Le minacce e gli insulti a Bruno Fiore, simbolo a Fondi della lotta alle mafie…

Ci attendevamo gli attacchi vergognosi a Bruno Fiore,dopo gli attentati che egli aveva già subito.

L’impegno antimafia si paga in una provincia dove le mafie la fanno da padrone.

D’altro canto Bruno non è l’unico ad aver subito ed a subire minacce,insulti e quant’altro.

Li hanno ricevuti il Prefetto di Latina Bruno Frattasi ,ora Capo della Segreteria del Ministro dell’Interno, gli ufficiali dell’Arma,i funzionari di polizia,i prefetti e viceprefetti che hanno fatto parte della Commissione di accesso agli atti del Comune di Fondi , definiti “pezzi deviati dello Stato”….

Roba dell’altro mondo!

Gli stessi insulti ,anche se in maniera edulcorata,li hanno ricevuto e ricevono gli stessi magistrati della DNA,gli operatori di polizia che redigono le relazioni semestrali della Direzione Nazionale Antimafia e della Direzione Investigativa Antimafia,da coloro che ostinatamente  continuano,malgrado tutto,a negare la presenza mafiosa in provincia di Latina, smentendo, di fatto  ,quanto scritto in quelle relazioni.

Tutti questi signori sappiano,però,che noi non daremo ad essi un attimo di tregua  e li talloneremo fino al giorno in cui saremo riusciti a smascherarli.

Archivi