Le mafie stanno nella politica e nelle istituzioni. E’ là che dobbiamo scovarle. Un anno di duro impegno.

Apriamo l’anno con un forte impegno a migliorare e rafforzare la nostra struttura organizzativa per renderla sempre più incisiva sul versante della lotta alle mafie.
Fra la fine di gennaio e l’inizio di febbraio è prevista l’Assemblea generale dell’Associazione che dovrà provvedere ad eleggere un nuovo Consiglio Direttivo con l’uscita di alcuni suoi membri e la loro sostituzione con altri amici rappresentativi di altre realtà geografiche e particolarmente attivi.
Dovremo anche eleggere il nuovo Presidente Onorario dell’Associazione Caponnetto che questa volta sarà un alto Magistrato, il Presidente della 2° Sezione Penale della Suprema Corte di Cassazione Dr. Antonio Esposito.
Un’elezione, questa, che rappresenterà una svolta, per la significatività dell’atto, della nostra Associazione, che, già caratterizzatasi negli anni per la sua “operatività”, accentua questo carattere per essere sempre più aggressiva ed incisiva nella lotta alle mafie.
Anche qua va fatto un “distinguo”.
Quando noi parliamo di mafie alludiamo, non come fanno i più, solo a quelle che sparano -la mafia “bassa”-, ma, soprattutto, a quelle che sono annidate nella politica, nelle istituzioni, nell’economia, fra i professionisti.
LE VERE MAFIE.
Quelle che inquinano il Paese e lo uccidono sottraendo ad esso quel poco di spazi di civiltà e di democrazia che sono rimasti ancora indenni.
Sarà, il 2013, un anno per noi più impegnativo di quelli trascorsi perché dovremo dedicarlo soprattutto a scovare nelle istituzioni le aree di criticità, di omissioni, di compromissioni con i mafiosi.
Le mafie stanno nella politica e nelle istituzioni.
E’ questo che deve capire la gente onesta!!!

Archivi