Le dichiarazioni del sindaco di Formia…………………………………………….

“Le cose dette dalla De Martino non avrebbe potuto dirle davanti a tutti”…………….è,questa, una parte delle dichiarazioni,secondo la stampa, che avrebbe rilasciato il Sindaco di Formia per giustificare la blindatura dell’incontro organizzato dal governatore del Lazio e dal PD dei sindaci pontini.
La risibilità di tali parole – “quel davanti a tutti” – ,se effettivamente pronunciate,appare subito come una sorta di assoluzione di quanti,sindaci,assessori o quanti altri …
amministratori pubblici,sono i più responsabili,soggettivamente o oggettivamente,dell’invasione mafiosa della provincia di Latina e del Lazio e,di conseguenza,le persone di fronte alle quali si è obbligati alla massima riservatezza.
E’,infatti,fra gli amministratori pubblici e non di certo fra i rappresentanti di movimenti e,ancor di più,di associazioni antimafia,che si annidano corrotti,collusi e sodali delle mafie,tutti coloro,insomma,che hanno o debbono avere conti aperti con la Giustizia.
Noi non sappiamo cosa ha detto la De Martino,ma sappiamo della sua serietà e della sua conoscenza della situazione esistente in provincia di Latina e siamo certi,pertanto,che ella ha detto,al contrario di quanto avrebbe dichiarato il sindaco di Formia,cose che si potevano dire “davanti a tutti”,anche di fronte ad eventuali sospetti di reati di natura associativa od ordinari.
Allora ci dispiace dirlo :il sindaco di Formia,sempre se effettivamente ha pronunciato quella frase,si è comportato in maniera puerile,come,cioè,quel bambino che colto e rimproverato dalla madre con le mani nel barattolo della marmellata,tenta di giustificarsi piangendo e con le prime parole che gli vengono alla mente.
I nostri maestri e l’esperienza acquisita sul campo in materia di lotta alle mafie ci hanno insegnato a mostrarci estremamente riservati proprio davanti agli amministratori pubblici,fra i quali -ripetiamo- si annidano,come provano le cronache di tutti i giorni,corrotti e mafiosi,essendo ormai politica,corruzione e mafia in perfetta simbiosi,e non di certo con la stessa misura di fronte ad altri,a ,cioè,coloro,come noi,che sono stati esclusi dall’incontro.

Archivi