Lavori a rilento. Eppure si teme che la camorra abbia interrato numerosi fusti di sostanze tossiche che potrebbero aver inquinato anche le falde acquifere

Leggi l’articolo di Latina Oggi

Archivi