“L’Amministrazione di Comiso leva all’areoporto il nome di Pio La Torre ed impone quello di un generale che ordinò il bombardamento dell’Etiopia. Così si dice di voler combattere la mafia!

VERGOGNA! L’AMMINISTRAZIONE DI DESTRA DI COMISO IN SICILIA RIMUOVE DALL’AEROPORTO IL NOME DI PIO LA TORRE ED IMPONE QUELLO DEL GENERALE VINCENZO MAGLIOCCO CHE ORDINO’ DI BOMBARDARE L’ETIOPIA.

Che uno condivida o meno le idee politiche di Pio La Torre, un dato è innegabile. La Torre era un deputato comunista che dedicò la sua vita alle lotte in favore dei braccianti e contro la mafia.

Egli è il padre della legge che consente la confisca dei beni dei mafiosi ed il loro utilizzo da parte dello Stato e della società. Per questo è conosciuto ed apprezzato in tutto il mondo. E viene preso ad esempio da milioni di persone di tutte le nazioni.

Pio La Torre fu ucciso dal piombo mafioso.

E tanto basta ed avanza, indipendentemente dalle idee politiche sue e di ognuno di noi.

Ebbene oggi lo si ammazza per la seconda volta e, con lui, si ammazza la democrazia nata dalla Resistenza e dalla Costituzione.

Noi non facciamo politica e non possiamo farla perché vogliamo, a tutti i costi, salvaguardare l’immagine dell’Associazione che vuole fare antimafia e basta.

Ma non possiamo, come cittadini, tollerare che si sputi sul sangue di chi, per difendere la democrazia e per combattere le mafie, ci ha rimesso la vita.

Allora gridiamo forte agli autori della deliberazione del Comune di Comiso che ha tolto dall’aeroporto il nome di Pio La Torre per mettere al suo posto quello di un generale che ordinò i bombardamenti in Etiopia: VERGOGNATEVI!

E poi si va dicendo in giro che… si vuole fare la lotta alla mafia !!!….

Archivi