La vicenda dell’azienda “Mannaggia all’Oca” di Viterbo, dove sono morte 2000 oche presumibilmente avvelenate dagli scarichi del vicino Ospedale approda in Parlamento grazie ai deputati del M5S. Ed ora si muova la Procura della Repubblica

ATTO CAMERA

INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA 4/02768

Dati di presentazione dell’atto

Legislatura: 17
Seduta di annuncio: 129 del 02/12/2013

Firmatari

Primo firmatario: BERNINI MASSIMILIANO
Gruppo: MOVIMENTO 5 STELLE
Data firma: 02/12/2013

Elenco dei co-firmatari dell’atto
Nominativo co-firmatario Gruppo Data firma
MANNINO CLAUDIA MOVIMENTO 5 STELLE 02/12/2013
PARENTELA PAOLO MOVIMENTO 5 STELLE 02/12/2013
D’INCA’ FEDERICO MOVIMENTO 5 STELLE 02/12/2013
TOFALO ANGELO MOVIMENTO 5 STELLE 02/12/2013
SPESSOTTO ARIANNA MOVIMENTO 5 STELLE 02/12/2013
LOMBARDI ROBERTA MOVIMENTO 5 STELLE 02/12/2013
BARBANTI SEBASTIANO MOVIMENTO 5 STELLE 02/12/2013
BARONI MASSIMO ENRICO MOVIMENTO 5 STELLE 02/12/2013
DE LORENZIS DIEGO MOVIMENTO 5 STELLE 02/12/2013
DELLA VALLE IVAN MOVIMENTO 5 STELLE 02/12/2013
SEGONI SAMUELE MOVIMENTO 5 STELLE 02/12/2013
DA VILLA MARCO MOVIMENTO 5 STELLE 02/12/2013
Destinatari

Ministero destinatario:

  • MINISTERO DELLA SALUTE
  • MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

Attuale delegato a rispondere: MINISTERO DELLA SALUTE delegato in data 02/12/2013

Stato iter:

IN CORSO

Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-02768

presentato da

BERNINI Massimiliano

testo di

Lunedì 2 dicembre 2013, seduta n. 129

MASSIMILIANO BERNINI, MANNINO, PARENTELA, D’INCÀ, TOFALO, SPESSOTTO, LOMBARDI, BARBANTI, BARONI, DE LORENZIS, DELLA VALLE, SEGONI e DA VILLA. — Al Ministro della salute, al Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare. — Per sapere – premesso che:
nel comune di Viterbo è sito l’ospedale di Belcolle. Nella zona sottostante, attraversata dalla roggia «Fosso dell’Olmo», è ubicata l’azienda agricola «Mannaggia all’oca» presso la quale si è riscontrata una moria sospetta di circa 2.000 capi di oche, allevate in prossimità del corso d’acqua;
a seguito di tale, ingente, moria sono state avviate delle indagini dal Corpo forestale dello Stato di Viterbo che ha emesso due verbali di contestazione di illecito amministrativo a carico dei due ex direttori generali della ASL Viterbo; mentre nell’aprile 2012, per tramite della procura di Viterbo, sono stati effettuati dei prelievi nel terreno della zona che hanno rilevato la presenza di metalli pesanti quali «argento» e varie categorie di «sulfamidici» sia sul terreno a valle dell’ospedale che sul sedimento della roggia «Fosso dell’olmo», mentre le stesse sostanze non risultavano presenti a monte del nosocomio, a dimostrazione di uno sversamento illecito di rifiuti nella roggia;
«Fosso dell’olmo» percorre circa 50 chilometri prima di immettersi sul fiume «Marta» e di lì fino al mare, con il concreto rischio, quindi, di rilasciare materiale inquinante in una grande estensione di terreno;
la salute personale dei proprietari dell’azienda agricola succitata, in particolare della signora Patrizia Belli, avrebbe subìto in maniera improvvisa un peggioramento –:
se sia a conoscenza dei fatti esposti in premessa e se, valutata l’oggettiva gravità degli stessi, non ritenga opportuno, per quanto di propria competenza, procedere a ulteriori studi indirizzati alla ricerca sia di metalli pesanti e sulfamidici che di eventuali radiazioni rilasciate dai residui delle acque reflue scaricate in questi anni dall’ospedale Belcolle nella roggia «Fosso dell’Olmo». (4-02768)

Archivi