“La via del gueriero”, lettera-allarme da Viterbo

La comunità romena di Viterbo ci segnala un’iniziativa preoccupante: un comunicato divulgato in città invita la cittadinanza tutta, ad uno stage divulgativo di “autodifesa”, presentato dal docente federale della FIKM Giorgio Izzi, coadiuvato dall’istruttore Giancarlo Ara e verterà sulle metodologie di combattimento israeliane inserite nei protocolli tecnici dei sistemi operativi del “KAPAP” e “KRAV MAGA”. Prepara al combattimento faccia a faccia, dando per scontato che sul territorio c’è da difendersi, anche da soli, per conflitti violenti “fino all’eliminazione del problema”

In questi giorni… diciamo pure  anni, ho sempre inviato via web, notizie e commenti che potessero riguardare il territorio dove conviviamo, il viterbese. Piccole rassegne stampa, lettere alle redazioni, interventi e segnalazioni  per accordi amichevoli che mi erano stati richiesti e concordati…nel tempo ho visto  restringersi questi spazi, a volte con motivazioni rare, poi sopratutto silenzio, nessuna risposta, non tanto per me ma per il rispetto delle voci di cui  scrivevo. Non è migliorata la nostra convivenza  tra nativi italiani e stranieri: io sono nata a Roma e allora? Allora avviene che ho appena letto un Comunicato, inviatomi direttamente dalla Comunità Romena di Viterbo di cui conosco e stimo la redazione.
Le news si aprono con un articolo che è davvero un pugno nello stomaco come la  foto che lo accompagna: Stage divulgativo di “self defence” seguito strettamente da un altro Evento Viterbo, città sicura e sodale.
E’ firmato da IL PRESIDENTE  Raimondo Chiricozzi, la stessa persona che chiedeva, retoricamente  per affermazione implicita,  Perché non intitolare una via a Craxi? con una lettera che  è stata prontamente  pubblicata su Tusciaweb, lo stesso spazio che vede il mio ultimo intervento  in data 28 febbraio 2008, per le mie dimissioni da Rc  nel 2006, poi come fossi morta. Ma non è di questo che intendo parlare.

L’ articolo che riporto per intero, invita la cittadinanza tutta, ad uno stage divulgativo di SELF DEFENCE, presentato dal docente federale della FIKM Giorgio Izzi, coadiuvato dall’istruttore Giancarlo Ara e verterà sulle metodologie di combattimento israeliane inserite nei protocolli tecnici dei sistemi operativi del “KAPAP” e “KRAV MAGA”.Prepara al combattimento faccia a faccia, dando per scontato che sul territorio c’è da difendersi, anche da soli, per conflitti violenti che si presentano mano a mano e va avanti la presentazione con il panegirico delle “unità delle Forze Speciali di Difesa israeliane hanno avuto il monopolio dell’Arte Marziale Israeliana, ed il Kapap era conosciuto negli anni settanta come Lochama Zehira (micro lotta) o Lotar. Il Kapap è un sistema, ma anche un misto di rigorosi condizionamenti fisici, addestramento con armi da fuoco ed esplosivi, addestramento alla sopravvivenza, pronto soccorso avanzato e difesa personale”. E si ottiene così l’ “esecuzione delle combinazioni fino all’eliminazione del problema”. Sono invitati tutte e tutti a questo bel programma che riesce ad “arrivare alla risoluzione più estrema”.
Lo stesso sito della Comunità Romena  mi ha fatto il piacere di aver pubblicato recentemente un botta e risposta tra il signor Massimo Picchiami e la sottoscritta che, guarda caso, questo è girato in certa cronaca, avidamente.Era una risposta all’articolo STRANIERI (quasi) SEMPRE ASSENTI

Non so se erigendo muri, come Israele esegue a sua difesa contro la Palestina, troverete Pace e Sicurezza, non so se questi Inviti ed Eventi,  non scesi come Fiore dal Cielo, vi daranno Protezione e Controllo. Per quanto mi riguarda, da cittadina  donna e persona, denuncio questo agghiacciante articolo invito comunicato e in ogni caso non solo non sto zitta ma inoltro e non a livello locale. Partecipo ricollegando anche  questi orrori e aiuti non umanitari, e non dalla Cabina di Regia ma dal laboratorio casalingo che ho a Capranica, dove si annuncia per sabato 30 gennaio, da Viterbo Oggi e sulla pagina del Comune, lo stesso identico “stage” con immagine, sotto la rubrica Sport, sfoltito nel testo e della durata di ben 9 ore: dalle 9,30 alle 17,30, previa e obbligatoria preiscrizione.
Questa promozione non ha  nulla  di sportivo e culturale, se non la devastazione che è sotto i nostri occhi e non guardata, facendosi complici.

La “via del guerriero” si fa strada e si adatta ad ogni tipo di persona, “sempre e comunque oltre l’ostacolo“: chi e cosa lo rappresenta? Con l’occasione insieme ai saluti e  un grazie per l’attenzione, aggiungo che  PeaceReporter comunica l’appello per Gaza: organizzare l’arrivo nella Striscia di aiuti umanitari via mare: questa Primavera, un’altra campagna promossa come quella per Il diritto di leggere.

Doriana Goracci

(Tratto da Aprile Online)

Archivi