La solidarietà del PD agli amici di Libera dopo il gravissimo attentato al Villaggio della Legalità di Latina. Nel confermare anche la nostra solidarietà, chgiediamo una risposta forte da parte di tutte le forze sane della politica

ATTENTATO AL VILLAGGIO DELLA LEGALITA’.

LE INTIMIDAZIONI MAFIOSE NON FERMERANNO LA LOTTA PER LA LEGALITA’ E LA SICUREZZA .

Con un grave atto di intimidazione di stile camorristico è stato distrutto nella notte il Villaggio della Legalità a Borgo Sabotino (Latina), gestito da LIBERA – Associazioni, nomi e numeri contro le mafie.

Nella giornata in cui l’associazione, insieme agli scout, si apprestava ad ospitare un incontro per ricordare la figura di Don Cesare Boschin, prete ucciso a Borgo Montello, distante pochi chilometri, per aver denunciato i traffici di rifiuti tossici in quella discarica, ci si è trovati davanti ai locali devastati con violenza inaudita.

Se qualcuno poteva avere dubbi sulla presenza fisica ed organizzata dei clan mafiosi sul territorio della Provincia di Latina, questo episodio non fa altro che dimostrare non solo la loro esistenza ma la volontà di intimorire tutti coloro che combattano a viso aperto e con coraggio la battaglia della legalità. Esprimiamo, pertanto, la nostra solidarietà all’associazione Libera per questo grave attentato che oggi ha provocato solo danni a cose ma che, se sottovalutato, potrebbe essere l’anteprima di ben altri atti di violenza contro coloro che sono impegnati in prima persona contro le mafie in un territorio impregnato di malaffare e criminalità organizzata.

Ora è il momento di alzare ancora di più la guardia, di non limitarsi a condanne generiche. Chiediamo al Ministro dell’Interno Roberto Maroni di riprendere le fila di un discorso di contrasto forte alle mafie nella Provincia di Latina e, in particolare, nel sud-pontino. Discorso che pare essersi drasticamente interrotto dopo il mancato scioglimento del Comune di Fondi per infiltrazioni mafiose.

In questo territorio, da Minturno ad Aprilia, e con particolare riguardo alla fascia costiera, le mafie continuano a fare i loro affari. La quinta mafia, quella dei colletti bianchi, quella che condiziona l’economia sana e che trova sponda in troppi amministratori locali, non ha mai smesso di essere presente. Il silenzio mediatico calato su questa realtà dopo le vicende legate al “caso Fondi”, ha favorito la loro attività di penetrazione.

Non è casuale che il Forum Sicurezza e Legalità regionale del Partito Democratico terrà a Sabaudia il 28 ottobre prossimo presso l’Hotel Le Palme di Corso Vittorio Emanuele III, con inizio alle ore 17,00, una propria sessione alla quale parteciperanno  parlamentari, consiglieri regionali e provinciali.

Sarà anche quella la sede per dare una risposta forte alle mafie in difesa della sicurezza e della legalità.

Fondi, lì 22 ottobre 2011

Enrico Forte, Segretario provinciale del Partito Democratico

Bruno Fiore, Responsabile Forum Sicurezza e Legalità P.D. provinciale

Archivi