LA REGIONE CAMPANIA NON SI COSTITUISCE PARTE CIVILE.

Rimborsi gonfiati al Consiglio regionale, la Procura chiede il processo per 7 politici

Prima udienza preliminare per la sprecopoli al Consiglio regionale della Campania: l’accusa chiede giudizio per Ugo de Flaviis, Pietro Diodato, Massimo Ianniciello, Sergio Nappi, Angelo Polverino, Gennaro Salvatore e Raffaele Sentiero. La giunta di Stefano Caldoro non si costituisce parte civile.

1
LinkedIn
0
Pinterest

 

Sette consiglieri davanti al giudice ma la Regione Campania non si costituisce in giudizio

Per i rimborsi gonfiati alla Regione Campania il pm di Napoli Giancarlo Novelli ha chiesto il processo per cinque consiglieri e due ex consiglieri regionali al termine della prima udienza preliminare davanti al gup Francesco De Falco.

La Regione Campania, pur essendo parte lesa, non si è costituita in giudizio, ma ha ancora la possibilità in caso di rinvio a giudizio. Il gup dovrebbe pronunziarsi nell’udienzadel prossimo 26 gennaio.
La decisione di Palazzo Santa Lucia di non costituirsi a giudizio potrebbe influire anche sulla candidabilità dei politici alle prossime elezioni regionali, in quanto la norma prevede la non elegibbilità del candidato sotto processo con l’Ente parte civile. I consiglieri ed ex consiglieri coinvolti nel procedimento sono Ugo de Flaviis, Pietro Diodato, Massimo Ianniciello, Sergio Nappi, Angelo Polverino, Gennaro Salvatore e Raffaele Sentiero.

Archivi