La latitanza del ceto politico pontino di fronte al problema “mafie”. L’assenza sistematica nei convegni antimafia degli amministratori ed esponenti dei partiti del centrosinistra pontino.

Riteniamo che ormai le posizioni del ceto politico del basso Lazio in riferimento al problema “mafie” siano più che chiare.

Chiunque abbia un minimo di capacità di intendere ha gli elementi per comprendere chi è di qua e chi è di là, chi è contro e chi è a favore delle mafie, chi, malgrado l’azione quotidiana della magistratura e delle forze dell’ordine, continua a negare la realtà e chi ne prende atto ed agisce di conseguenza.

Ci interessa la seconda categoria perché pensiamo che sia un perditempo continuare a discutere sul sesso degli angeli.

Se non altro per spazzare il campo da tanti equivoci.

Al convegno a Formia contro le mafie non era presente un solo consigliere comunale, un solo consigliere provinciale o regionale, un solo segretario politico, un solo esponente di rango dei partiti del centrosinistra delle province del basso Lazio.

Nemmeno di Formia e di Gaeta.

Non è la prima volta, perché è stato sempre così con i nostri convegni.

E’ormai una prassi consolidata che questi signori latitano quando si affronta questo tema.

Ai PD, IDV, SEL, FDS pontini evidentemente non interessa.

Eppure quelli organizzati da noi non sono convegni retorici, convegni nei quali si parla di tutto e di tutti, quindi di niente, della storia della mafie e di accadimenti di 30-40 anni fa..

Si parla, al contrario, di fatti recenti, di situazioni reali ed attuali e di strategie da adottare, di provvedimenti da assumere per combattere le mafie.

Qualcuno potrebbe ipotizzare che la causa di tali latitanze sia proprio qua.

Si vuole parlare di “mafie” quando non si toccano realtà locali, magari per apparire nella veste di paladini della legalità per fini propagandistici ed elettorali, ma, poi, quando si tratta di sporcarsi le mani, di impegnarsi pubblicamente a combattere le mafie, ci si tira indietro, non ci si presenta.

La causa di tale comportamento?

Ognuno esprima il suo giudizio.

Archivi