La foglia di fico

La foglia di fico per coprire le porcate di una classe politica inadeguata…
La proposta del Sen. Moscardelli, del PD, per far dimenticare l’inerzia e l’insignificanza di una classe politica dirigente pontina e laziale di quel partito in materia di giustizia, di sicurezza e di lotta alla criminalità mafiosa:
cambiamo la geografia giudiziaria pontina e riportiamo Gaeta, Formia e Minturno sotto la giurisdizione di Latina, lasciando tutti gli altri comuni del sud pontino sotto quella di Cassino.
Il bluff parte da lontano, tutti complici, nessuno escluso, da destra a sinistra, con l’istituzione di un “Tribunale” a Gaeta.
Un “Tribunale” inaugurato con le fanfare, con un can can mediatico degno di miglior causa, con un giudice monocratico, senza uno straccio di Procura della Repubblica, senza una squadra di Polizia Giudiziaria, senza niente di niente.
Una “sezione distaccata del Tribunale di Latina”, destinata sin dalla nascita, quindi, a chiudere con la fine del periodo delle vacche grasse.
Una presa in giro degli allocchi.
Nessuno – partiti, categorie professionali, cancellieri, magistrati- che abbia detto che si trattava di un bluff, di una colossale presa in giro.
Ora si dice di voler correre ai ripari.
Con proposte del tutto strampalate come quella del parlamentare pontino del PD.
Il problema – lo stiamo gridando da anni -non è l’ubicazione, ma l’efficienza.
A noi non interessano motivi localistici, campanilistici, corporativi.
A noi interessa l’EFFICIENZA.
L’UTILITA’ di un presidio.
Punto.
Moscardelli ci deve spiegare il motivo per il quale chiede il ritorno di Gaeta-Formia e Minturno al
distretto di Latina, lasciando tutti gli altri comuni del sud pontino a quello di Cassino.
L'”omogeneità geografica e politica”???
Ma non faccia ridire,
O, meglio, piangere!
La buona politica non si fa rincorrendo gli interessi elettoralistici e corporativi, ma, al contrario, quelli della collettività.
Moscardelli, se vuole fare una cosa utile per quanto riguarda la lotta alle mafie, si occupi del “come” queste vengono “combattute” in provincia di Latina, con quali strumenti, con quali metodologie, con quali strategie e tattiche e, cosa più importante, con quali uomini!!!
Tutto il resto è propaganda.
Chiacchiere!!!
E di chiacchiere se ne sono fatte e se ne fanno fin troppe…

Archivi