L’inerzia e l’apatia dei cittadini perbene

La macchina imbottita di armi e munizioni ritrovata alla vigilia del nostro Convegno a Formia.
Una coincidenza per caso?
Qualcosa in più?
Non ci interessa e non ci fa, comunque, paura.
Anzi, tutto il contrario: ci fa arrabbiare più di quanto non lo siamo già a causa dell’inefficienza (voluta?… ) di uno Stato che è tutto il contrario di quello che avevamo sognato da ragazzi e che ci avevano disegnato i nostri padri ed i nostri genitori, alcuni dei quali si sono battuti per conquistarselo e lasciarlo a noi figli.
Il problema è un altro:
l’imbecillità, se non la disonestà intellettuale e morale, di chi vede, sente e… approva le mafie!
Sì, approva, ripetiamo, perché anche non facendo niente si favoriscono le mafie.
E non ci si preoccupa affatto dell’avvenire dei nostri stessi figli ai quali stiamo lasciando una società criminale e da incubo.
E’ una vergogna della quale ognuno di noi dovrebbe fare ammenda, chiedendo scusa ai ragazzi e impegnandosi subito nel combattere il processo di mafiosizzazione del Paese.
Sulle metodologie, poi, possiamo discutere.
Per noi, l’unica efficace è quella della DENUNCIA.
La DENUNCIA di fatti e situazioni sospette, fatta non personalmente, ma ATTRAVERSO ASSOCIAZIONI AFFIDABILI E CONCRETE COME LA CAPONNETTO.
Non c’è altra strada per almeno tentare di salvare il Paese dal baratro nel quale lo hanno fatto precipitare una classe politica in parte corrotta e mafiosa, istituzioni inefficienti, disattente o corrotte e mafiose in parte anch’esse e l’inerzia e l’apatia dei cittadini anche perbene.

Archivi