L’antimafia d’immagine o quella vera?

Non c’è peggior sordo di colui che non vuole sentire.
Sono anni che andiamo ripetendo che con le chiacchiere, le sfilate, le biciclettate, le pizzate ed altre pagliacciate del genere alle mafie non si riesce a torcere nemmeno un capello.
Tutto ciò sarebbe stato utile se la situazione non fosse così grave e drammatica com’è.
Oggi le mafie hanno rappresentanti nelle istituzioni, nei partiti, nel parlamento, nei governi, nei consigli regionali, provinciali e comunali, nelle banche, nelle grandi e piccole industrie.
Esse controllano parti importanti dell’economia, della politica, delle istituzioni, della stessa società civile, fra i professionisti oltre che fra i cittadini.
Ormai la lotta è corpo a corpo, dovunque.
Attardarsi ancora a parlare di… “cultura della legalità” in contesti basati ormai sulla criminalità elevata a sistema di vita è riduttivo e deviante, oltre che puerile.
Continuare a sostenere che la lotta alle mafie debbono farla solamente magistratura e forze dell’ordine significa non aver capito niente di niente.
Delle due una:
o si è cretini o
si è collusi.
Tertium non datur.
Borsellino diceva che è un errore imperdonabile illudersi di poter battere le mafie addossando tutto il peso sulle sole spalle della magistratura e delle forze dell’ordine, le quali, peraltro, hanno anch’esse un sacco di problemi di ogni genere, interni ed esterni.
Proprio in questi giorni il Procuratore di Modena ha lanciato un appello alla società civile perché cominci a mobilitarsi per aiutare la Magistratura e le forze dell’ordine a combattere, prima che sia troppo tardi, questo cancro che sta infettando tutto il paese.
Ancora ci sono in giro qualche cretino o qualche persona in malafede che vanno dicendo in giro che… un’associazione antimafia ” non deve sostituirsi alle forze dell’ordine”.
Qua non si tratta di “sostituirsi” o meno.
E’ vero che quando su un territorio sul quale le forze dell’ordine non funzionano come dovrebbero, noi ci vediamo costretti a fare una vera e propria azione sostitutiva, scavando, documentandoci e segnalando alla Magistratura competente.
Ci è capitato e ci capita, purtroppo.
Ma, quando esse funzionano, noi non facciamo altro che aiutarle, supportandole.
Questo è il compito di una VERA Associazione antimafia.
PREVENIRE, PREVENIRE, PREVENIRE, CON L’INDAGINE E LA DENUNCIA.
INTERVENIRE DOPO, QUANDO I FATTI SONO GIA’ SUCCESSI, SIGNIFICA SOLAMENTE PRENDERE PER IL SEDERE LA GENTE ONESTA ED IL PAESE

Archivi