Intimidazioni ad un giudice? (pt 2)

Latina 28 MAGGIO 2008

 

COMUNICATO STAMPA

 

E’ la Latina civile e democratica che dovrebbe insorgere per questo ennesimo episodio di intimidazione e di delegittimazione operate da un esponente politico ai danni di magistrati e taluni Prefetti rei di fare il loro dovere.

Siamo ormai, in questa provincia, al limite dello stato di diritto e ad una sorta di… repubblica delle banane.

Quando un parlamentare tenta, in un modo o in un altro, di esercitare pressioni su un giudice, il fatto è di una gravità eccezionale, in quanto esso rappresenta un vero e proprio attentato all’autonomia della Magistratura.

E, se è vera la notizia secondo cui sarebbero state minacciate ritorsioni quali… una visita degli ispettori del Ministero della Giustizia, allora si è superato il confine dell’agibilità civile e democratica.

Ancora una volta l’immagine della città di Fondi e dell’intera provincia di Latina esce danneggiata in maniera irreversibile dal comportamento di una classe dirigente politica che mal tollera la legalità.

Noi, confermando la nostra fiducia e la più viva solidarietà al giudice Cario ed a tutti i suoi colleghi impegnati quotidianamente a difendere la legalità su un territorio dove questa è considerata, purtroppo, un optional, chiediamo che il Ministro della Giustizia ed il Consiglio Superiore della Magistratura intervengano immediatamente per far luce su questo ennesimo, gravissimo caso di violazione delle norme.

Chiediamo anche che la Procura della Repubblica di Perugia disponga un’indagine approfondita tesa a difendere l’autonomia e l’onorabilità del Dr. Cario.

LA SEGRETERIA

Archivi