Interrogazione Sen.Pasetto sulle connessioni mafia-affari e politica in provincia di Latina

INTERROGAZIONE SEN.PASETTO SULLE CONNESSIONI MAFIA-POLITICA IN PROVINCIA DI LATINA

Pasetto-Ai Ministri dell’Interno e della Giustizia:

Premesso che:

il territorio della provincia di Latina è attraversato da anni da un’intensa attività di compravendita che si realizza per mezzo di imprese di costruzione,società di immobili e terreni edificabili,attività costantemente sotto osservazione e oggetto di indagini da parte del Comando della Guardia di Finanza di Latina;

i documenti della Direzione dell’Antimafia hanno più volte evidenziato i rischi di infiltrazioni camorristiche nel territorio della provincia di Latina,vista anche la contiguità con la Regione Campania;

negli ultimi anni sono,inoltre,venute alla luce una serie di anomalie nella gestione della cosa pubblica che hanno riguardato alcuni comuni della provincia,tra i quali Latina,Sabaudia e Minturno,alcune delle quali sono state anche denunciate e rese pubbliche da associazioni private oltre che dagli organi di stampa;

molte di queste “anomalie” vedono coinvolto il Comune capoluogo e riguardano diverse inchieste,come quelle sulla gestione di settori di pubblica utilità, con particolare riferimento al problema dei rifiuti e alla gestione delle operazioni di decomissionning della vecchia centrale nucleare di Borgo Sabotino;

sotto osservazione delle forze dell’ordine è finito anche l’operato dell’amministrazione comunale di Latina e del Consorzio di Bonifica dell’Agro Pontino nella vicenda dell’esproprio dell’area ex Orsal e nella vicenda delle Terme di Fogliano i cui beni sono stati pignorati in favore di un’impresa privata;

inoltre,si apprende dalla stampa, che il Comune di Latina avrebbe affidato con delibera della Giunta municipale l’incarico di “ridisegnare” alcuni edifici e piazze del centro urbano della città ad un architetto che sembrerebbe non avere i requisiti per farlo,dal momento che sta assumendo incarichi in veste di professionista privato dalle società e dai privati che detengono la proprietà degli edifici in questione;

per tutte le ragioni sopraelencate,la situazione descritta rischia di assumere contorni sempre più preoccupanti,anche perché sintomo ed indicatore di commistioni e di continue infiltrazioni della criminalità organizzata nel territorio del basso Lazio,che si manifesta anche in episodi sempre più sospetti di “contatto” con la pubblica amministrazione;

la condizione in cui versa il territorio della provincia di Latina richiede un’attenzione particolare da parte dei poteri dello Stato,al fine di offrire ai cittadini di questo territorio una tutela “rafforzata”,in modo che essi possano,dalla ritrovata legalità della gestione della cosa pubblica,trarre un rinnovato rapporto di fiducia con le istituzioni,con le forze dell’ordine e con la magistratura,

si chiede di sapere:

quali iniziative di competenza il Governo intenda mettere in campo al fine di contrastare l’espandersi dell’offensiva criminale nel territorio di Latina e per ripristinare un clima di legalità e trasparenza che permetta un sereno rapporto tra i cittadini che a quel territorio appartengono e le articolazioni dello Stato;

quali iniziative i Ministri in indirizzo intendano adottare,nell’ambito delle proprie competenze,al fine di far luce,ed eventualmente di intervenire,sulle gravi situazioni di illegalità sopra descritte.”

UN NOSTRO BREVISSIMO COMMENTO A TALE INTERROGAZIONE DEL SENATORE PASETTO

Siamo grati al Sen.Pasetto per la sensibilità dimostrata nell’affrontare un problema sul quale finora pochissimi hanno mostrato la volontà di volersi cimentare.Siamo grati anche ai deputati Leoni,Giachetti,Amici e Cosentino che hanno presentato la stessa interrogazione alla Camera dei Deputati.

Speriamo,ora,che i ministri Amato e Mastella comincino a muoversi veramente,anche se qualche dubbio,al riguardo, continuiamo a nutrirlo , vista l’inerzia del primo relativamente alla drammatica situazione esistente nella Prefettura di Latina,situazione che gli abbiamo abbondantemente illustrata.

A Latina ,se non si affronta una buona volta per tutte il problema della………….. qualità dei vertici istituzionali,non si caverà mai un ragno dal buco.

Lo stiamo ripetendo da anni,cari parlamentari,che a Latina,dopo l’andata via del Prefetto Procaccini, esistono un problema “Prefettura” ed un problema “Giustizia”.

Se non si affrontano decisamente e risolvono questi due problemi,cominciando immediatamente a sostituire Prefetto e Capo di Gabinetto(ora nominato viceprefetto vicario),è inutile ogni altro provvedimento.Tutto il resto è conseguente.

Archivi