Internet sotto tiro

Mentre sulla “frontiera digitale” statunitense si prova a risolvere i problemi legati al copyright, a casa nostra si preparano altri disastri figli dell’ignoranza, con leggi sempre più repressive che limitano l’attività dei blogger e lo scambio di cultura in rete

Uno dei settori che sfidano la crisi a testa alta è quello dei
videogiochi: la gente vuole distrarsi e staccare la spina, ma il
cinema e i ristoranti sono troppo costosi e quindi si resta in casa per sparare agli alieni e vivere avventure da film con grafica 3D. E’ per questo che il sogno di molte famiglie statunitensi è quello di mettere un piede in questa industria da miliardi di dollari, magari iscrivendo il figlio al DigiPen Institute of Tecnology, un college che svolge il ruolo di “incubatrice specializzata” per formare i programmatori di videogiochi della nuova generazione. Ma cosa succede se mentre studi diventi bravo e famoso?

Lo ha scoperto a proprie spese Zachary Aikman, un ex studente dell’istituto che aveva realizzato tra i banchi di scuola Synaesthete, un videogioco “sparatutto” in cui bisogna eliminare degli alieni seguendo il ritmo della musica di sottofondo, premiato come miglior gioco prodotto da studenti nell’edizione 2008 dell’ “Independent Games Festival”. Ma quando ha provato a far soldi con la sua creatura, Zach
ha scoperto che le regole scolastiche sottraggono agli studenti ogni diritto sui lavori “realizzati all’interno dell’istituto”.
Il ragazzo prodigio racconta che “la scuola aveva il copyright sulla grafica e i programmi che avevo scritto, ma non si può mettere sotto copyright una modalità di gioco. Così dopo gli studi ho cominciato a organizzarmi per prendere l’idea del gioco e riprogrammarlo a partire da zero”. Ma questo non è stato abbastanza per l’istituto Digipen, che ha rifiutato ogni proposta di accordo con lo studente e gli ha proibito ogni possibile commercializzazione delle sue idee intrappolate nella gabbia
del copyright.

Mentre sulla “frontiera digitale” statunitense si prova a risolvere questi problemi, a casa nostra si preparano altri disastri figli dell’ignoranza, con leggi sempre più repressive che limitano l’attività dei blogger e lo scambio di cultura in rete.
Una recente dichiarazione del premier ha fatto venire i brividi al popolo della rete: “Credo che al prossimo G8 si possa portare sul tavolo la proposta di una regolamentazione del sistema internet. Credo che ci possa essere questa prospettiva internazionale in cui noi possiamo portarci come avanguardia di queste nuove tecnologie che ormai sono il futuro del mondo”.

La risposta a questo decisionismo è arrivata dallo stesso Berlusconi, trascinato su Youtube dagli utenti che hanno riesumato dalle ceneri della campagna elettorale un video in cui il premier si descrive come “un anziano signore che ancora scrive a penna tutti i suoi interventi e anche quelli che scrive per gli altri” e a chi gli fa domande su internet confessa “una conoscenza del mezzo che francamente non ho. Io uso il computer e internet – proseguì Berlusconi – ma lo usano soprattutto i miei collaboratori. Mi sa che hanno ragione loro quando dicono che sono troppo vecchio per governare un paese moderno”. E per una volta, possiamo dargli anche ragione.
Carlo Gubitosiwww.giornalismi.info/gubi

(tratto da www.aprileonline.info)

Archivi