Inopportuna quella partecipazione! Ora qualcuno ci spieghi!

“INOPPORTUNA” QUELLA PRESENZA AL COMUNE DI GAETA DI DIRIGENTI DELLA POLIZIA DI STATO IN QUELLA MANIFESTAZIONE TENUTASI L’ALTRO GIORNO PER PARLARE DI LEGALITA’…

Chiamateci estremisti, radicali, amanti della cultura del sospetto, disfattisti, colpevolisti o come vi pare, ma, quando su un amministratore pubblico una Commissione di accesso nominata da un Prefetto della Repubblica, avallata da un Ministro degli Interni e composta non da quattro quaquaraquà ma da funzionari di polizia, da ufficiali dei Carabinieri e della Guardia di Finanza e da v. Prefetti, scrive certe cose, anche se la Magistratura inquirente locale non ha ritenuto di aprire delle indagini, noi da quell’amministratore prendiamo le distanze.
Anche se non si è ritenuto di approfondire i rilievi contenuti nella Relazione della Commissione di accesso a carico di quell’amministratore e non sono, di conseguenza, emersi eventuali elementi di rilevanza penale nei suoi confronti.
Ma sulla “questione Fondi”, fin quando qualcuno non ci fornisce i dovuti chiarimenti su quanto scritto da Andrea Palladino su “Il Fatto Quotidiano” il 26 aprile 2012 a proposito dell’attuale Sindaco di Gaeta del PDL nell’articolo che sotto riportiamo, noi conserviamo tutte intere le nostre riserve.
Ecco l’articolo cui abbiamo fatto riferimento:

 

Citato nella richiesta di scioglimento di Fondi, il Pdl lo candida sindaco di Gaeta

Alto funzionario comunale, Cosmo Mitrano è più volte citato nella relazione prefettizia che chiedeva al governo di mandare a casa l’amministrazione per pesanti infiltrazioni mafiose. Ora corre nella città vicina, con il pieno appoggio di Renata Polverini
di Andrea Palladino | 26 aprile 2012

Il legame con la città di Fondi di Renata Polverini è senza dubbio forte. Quella zona a sud del Lazio – insieme alla provincia di Frosinone – le ha garantito i voti necessari per l’elezione a governatore. Quando il senatore Claudio Fazzone – l’uomo forte della città che l’ex ministro dell’interno Roberto Maroni avrebbe voluto sciogliere per mafia – la chiamò durante la campagna elettorale per le regionali, l’ex leader dell’Ugl non ebbe nessun dubbio. Fu un bagno di folla, grazie alla potenza della macchina elettorale del Pdl nel sud pontino, dove il centrodestra in passato ha raccolto percentuali bulgare di voti.

Non sorprende quindi il suo appoggio incondizionato a Cosmo Mitrano, candidato sindaco per il Pdl a Gaeta, porto strategico del sud del Lazio, base della marina Usa e sede della scuola navale della Guardia di Finanza, città dove l’ex comandante Speciale era di casa negli anni passati. Mitrano a Fondi ci lavora. E’ un alto dirigente del comune, fin dagli anni della giunta guidata da Luigi Parisella, il sindaco del comune pontino che rischiò il commissariamento con la pesante accusa di aver guidato una amministrazione permeabile alle cosche, salvato poi in extremis dal consiglio dei ministri.

Archivi