Incredibile.Ecco come vengono trattati in Italia i Testimoni di Giustizia.Vergogna ! Quando noi diciamo che la cosiddetta “antimafia” delle chiacchiere,delle parate,delle manifestazioni non serve a niente perché,poi,é questa la realtà !!!!!!!!!!!…………………Senza protezione , senza soldi ed alla fame.Da far inorridire !!!!!!!!!!

 

 

 

 

 

 

Associazione Nazionale  per la lotta contro le illegalità e le mafie 

“Antonino Caponnetto”

“Altro” ed “Alto”

www.comitato-antimafia-lt.org                                 info@comitato-antimafia-lt.org

                                                                                   ass.caponnetto@pec.it

 

                                                                                    Tel. 3470515527

       

                                                  Roma,25.03.2017

 

                                                 Dr.Guido Longo

                                                  Prefetto di

                                                        Vibo Valentia

 

 

 

 

Oggetto:Testimone di Giustizia

Salvatore Barbagallo-Vibo Valentia

 

 

Signor Prefetto,

   ci rivolgiamo a Lei per prospettarle la situazione drammatica nella quale si trovano il Testimone di Giustizia  sopranominato e la sua famiglia.

Sono anni che egli ha subito da una nota famiglia della ndrangheta danni incalcolabili  che  lo hanno ridotto quasi alla fame.

Egli sta rischiando di perdere,essendogli stata messa all’asta, anche l’abitazione che ha acquistato dopo aver fatto  tanti sacrifici.

Dal giorno in cui ha dovuto smettere la sua attività di imprenditore,egli,ad oggi,non ha percepito né come risarcimento  quale vittima di racket né per il danno biologico subito, alcuna somma.

Chiamato a testimoniare in tanti processi,egli,inoltre,non  fruisce di alcuna tutela e si vede costretto,pertanto,  a recarsi in Tribunale,sia a Vibo Valentia che talvolta anche a Catanzaro,senza una scorta ed a proprie spese e pericolo.

Una situazione davvero incredibile,oltre che insostenibile ulteriormente.

Ci rivolgiamo a Lei,conoscendo la sua sensibilità,per pregarLa  caldamente di interessarsi al suo caso,aiutandolo  sia per quanto riguarda la velocizzazione  delle sue pratiche presso la Commissione Centrale ex art.10 presieduta dal V.Ministro Bubbico e  presso l’antiracket,che ,inoltre,perché venga assicurata a lui ed ai suoi familiari  la tutela necessaria.

Nel ringraziarLa anticipatamente,distintamente  La salutiamo

 

                                     IL SEGRETARIO NAZIONALE

                                        Dr.Elvio Di Cesare

Archivi