Illecita concorrenza, scatta l’arresto

Ceprano. Un 49enne minacciava le ditte concorrenti nel settore dei trasporti per instaurare una sorta di monopolio

Arrestato per illecita concorrenza mediante violenza o minaccia e per estorsione un 49enne di Giugliano in Campania, dipendente di una società di trasporti di Villaricca, nel napoletano. Vittorio Palma, questo il nome dell’arrestato, minacciava le ditte concorrenti nel settore dei trasporti su strada per instaurare una specie di monopolio a beneficio dell’azienda in cui lavorava. Ad arrestarlo sono stati i carabinieri della stazione di Ceprano, coordinati dal maresciallo Bruno Falena, che hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Napoli dopo una complessa attività investigativa. Le indagini sono cominciate a seguito di una denuncia da parte di una società della provincia di Frosinone, e dalle investigazioni è emerso che Palma, già dal luglio del 2008, intimidiva titolari e addetti di varie società di trasporti non solo della provincia frusinate, ma anche delle province di Napoli e Brescia per procurare ingiusti profitti alla propria società e per ridurre fortemente la concorrenza nel settore dei trasporti su strada. Gli inquirenti hanno accertato che, per esempio, Vittorio Palma minacciava le aziende in questione di bruciare i loro mezzi di trasporto e di usare violenza nei confronti dei loro autisti, affermando di aver già convinto con questi metodi altre aziende in provincia di Latina. Il metodo era così collaudato che l’arrestato aveva convinto non solo le imprese di trasporti a ridurre la presenza sul mercato, ma aveva spinto anche le ditte che necessitavano di far trasportare le loro merci a rivolgersi alla società di Villaricca. Così, nella giornata di ieri, i carabinieri di Ceprano hanno eseguito l’ordinanza del Tribunale proprio a Giugliano, e Vittorio Palma è stato trasferito nella casa circondariale di Napoli Poggioreale. L’attività dei carabinieri in ordine a fenomeni simili si è moltiplicata negli ultimi tempi a causa anche dell’espansione del fenomeno camorristico nella nostra provincia; così, a livello provinciale, sono state programmate operazioni coordinate dal comandante provinciale, il col. Luigi Sparagna. La compagnia di Pontecorvo, comandata dal capitano Pierfrancesco Di Carlo, ha svolto in particolare diverse operazioni di questo tipo in varie zone, caratterizzate dalla delicata posizione, vicina alla Campania.
Carlo Nalli

(Tratto da Il Tempo – Frosinone)

Archivi