IL VOTO DELLA CAMORRA Perquisita casa del sindaco. Indagati funzionario del Comune ed imprenditore

Emergono nuovi elementi dell’inchiesta lampo che ha portato all’arresto della candidata della lista di De Filippo, dei fratelli e della mamma

Giuseppe Perrotta 12 dicembre 2018

Quattro persone agli arresti domiciliari e tre indagati a piede libero, per tutti l’aggravante dell’articolo 7, quello di aver agito per favorire una organizzazione criminale.

Sono i numeri dell’operazione della Squadra Mobile di Caserta diretta da Filippo Portoghese che questa mattina ha eseguito quattro ordinanze di custodia cautelare ai domiciliari a carico di Teresa Esposito, candidata alle ultime elezioni amministrative di giugno 2018 a Maddaloni con la lista OrientiAmo, e risultata la prima dei non eletti; con lei sono stati arrestati anche i fratelli Giovanni ed Eduardo, e la mamma Carmela Di Caprio.

Indagati a piede libero, invece, il sindaco Andrea De Filippo, il funzionario del Comune Enrico Pisani ed un imprenditore nel settore del Gpl. Gli agenti della Mobile questa mattina hanno perquisito le case degli arrestati e degli indagati a piede libero.

Si è trattato di una indagine molto veloce e snella, partita nel maggio scorso e chiusa ad agosto, portata avanti con intercettazioni telefoniche ed ambientali, con l’acquisizione anche dei voti espressi alle ultime elezioni amministrative.


Fonte:www.casertanews.it

Archivi