IL TRATTAMENTO  VERGOGNOSO RISERVATO AI TESTIMONI DI GIUSTIZIA E’ VERGOGNOSO

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO CON L’INVITO AL  MINISTRO SALVINI AD AFFRONTARE E RISOLVERE QUESTO GRAVE PROBLEMA .RICEVIAMO IN CONTINUAZIONE DA VARIE PARTI D’ITALIA  NOTE DI PROTESTA  CHE RIGUARDANO SEMPRE IL TRATTAMENTO  VERGOGNOSO RISERVATO AI TESTIMONI DI GIUSTIZIA DAL SERVIZIO CENTRALE DI PROTEZIONE DEL MINISTERO DELL’INTERNO CHE NON E’ AFFATTO MIGLIORATO  DA QUANDO C’E’ IL NUOVO GOVERNO.LA SETTIMANA SCORSA CI SIAMO OCCUPATI DEL CASO DEI CONIUGI GRASSO-FRANZE’,NON E’ CAMBIATO NIENTE.MINISTRO SALVINI E SOTTOSEGRETARIO GAETTI VERGOGNATEVI  !!!!!!!!!!

 

 

 

Con la preghiera di pubblicazione

 

Noi testimoni di giustizia stiamo subendo l’ennesimo attacco, ci stanno annientando.

Speravamo nel cambiamento ma oggi possiamo confermare che non c è stato alcun cambiamento anzi le situazioni dei testimoni di giustizia sono peggiorate.

Una delegazione aveva incontrato il dott Gaetti prima che lo stesso diventasse presidente della commissione centrale ex art 10,in molti di noi ricordano le sue promesse che per noi erano speranze.

Abbiamo avuto anche l’occasione di avere per la prima volta una deputata della Repubblica già testimone di giustizia, la stessa ha ascoltato i testimoni e ha memoria personale di cosa voglia essere testimoni di giustizia,anche la ns amica deputata Piera Aiello oggi è sfiduciata, nonostante le sue competenze in materia testimoni il governo non le ha dato alcuna delega.

Ora noi tutti siamo allo stremo, un servizio di protezione che quotidianamente umilia i testimoni togliendo diritti sanciti dalla legge.

Un sottosegretario Dott. Gaetti assente nelle decisioni e lontano dal profilo umano.

Non si può distruggere una intera categoria di uomini e donne che hanno avuto il coraggio di denunciare.

Il Governo non può essere complice.

Molti deputati del m5s erano con noi nella piazza del Viminale a chiedere giustizia e diritti all.allora  governo del PD,ma oggi sono scomparsi.

Un ministro dell’Interno che grida guerra alle mafie ma che abbandona i testimoni di giustizia.

Un messaggio terrificante che viene portato avanti da questo governo una prova che chi denuncia viene letteralmente abbandonato e diviene bersaglio delle mafie.

Ci usano come limoni che dopo la spremitura vengono buttati.

Sono passati 20 anni o forse più da quando la legge 45/2001 venne approvata,poi la 3500 voluta con forza dal deputato Mattiello ed il Senratore Lumia,una legge che il scp è la stessa commissione centrale ex art 10 hanno interpretato a danno dei testimoni di giustizia.

Non ci tocca che manifestare ad oltranza di girare l’Italia per far comprendere al popolo italiano come vengono trattati i testimoni di giustizia e chi denuncia le mafie e la corruzione.

I testimoni di giustizia nel precedente governo ebbero un incontro con l attuale ministro Di Maio il quale scrisse al Vice Ministro Bubbico allora facente funzioni di presidente della commissione centrale ex art 10,ma oggi che al governo c è un suo uomo di partito nominato dallo stesso il Ministro Di Maio tace ,come si può credere a questa classe  politica, che ci ha illuso e sfruttati per poi abbandonrci.

La mafia colpisce i testimoni ma lo Stato non difende i testimoni  e troppo spesso il nostro grido di dolore resta inascoltato.

Non si possono  combattere le mafie se non vi è una considerazione dei testimoni di giustizia.

Noi vogliamo vivere abbiamo il diritto di vivere e la politica non può essere complice della nostra fine .

C.G.

tdg

Archivi