Il titolare dell’Aenes Landing di Gaeta, nonché Presidente della Camera di Commercio di Latina, sarebbe stato minacciato e ricattato da soggetti collegati ai Bardellino. Lo ha denunciato alle forze dell’ordine?

Da quanto è stato acquisito agli atti dell’inchiesta “Golfo” è emerso che l’attuale Presidente della Camera di Commercio di Latina, nonché titolare dell’esercizio turistico alberghiero “Aeneas Landing” di Gaeta e Presidente provinciale di un’importante Associazione di categoria, sarebbe stato minacciato e ricattato da elementi del clan Bardellino e costretto, fra l’altro, ad assumere alle sue dipendenze personale indicato da quegli stessi elementi.

Da tale notizia la figura del Signor Zottola non appare affatto scalpita e macchiata.

Anzi, al contrario, essa appare come una vittima del clan.

Ciò che ci preme domandare è, però, se lo stesso Zottola abbia provveduto o meno a denunciare alle forze dell’ordine le minacce ed i ricatti che avrebbe subito, in quanto, ove non l’avesse fatto, egli si sarebbe indirettamente trasformato da vittima in correo.

In quest’ultimo eventuale caso la sua carica pubblica diventerebbe veramente incompatibile con i requisiti richiesti per rivestirla e dovrebbe subito dare le dimissioni dalla carica pubblica rivestita.

Attendiamo dal Sig. Zottola gli opportuni chiarimenti.

Archivi