Il sud pontino sempre più luogo privilegiato di investimenti e di… divertimenti dei boss e dei loro rampolli

IL SUD PONTINO SCELTO DALLA CAMORRA COME LUOGO DI INVESTIMENTI E DI SVAGO SFRENATO PER I RAMPOLLI DEI BOSS

Qualche anno fa un commerciante di Formia ci disse: “Se volete prenderli andate sulle spiagge della riviera di ponente di Gaeta e li trovate tutti”.

Ora il mensile “La Voce delle Voci”, sul numero in edicola, riprendendo il tema dello svago dei boss, parla dei locali notturni esistenti nel sud pontino come luogo di incontro e di divertimento dei loro rampolli.

Non si fanno mancare niente: macchine di lusso, belle donne, cene pantagrueliche.

E guardaspalle, sempre pronti ad intervenire per proteggerli.

Il territorio è pieno.

Di presenze e di investimenti.

Basterebbe un controllo più meticoloso e costante!

Basterebbe monitorare tutte le compravendite, i passaggi di proprietà, le concessioni edilizie, le autorizzazioni sanitarie e commerciali, gli appalti ed i subappalti, le forniture.

Basterebbe monitorare, come siamo soliti fare noi, facendo visure camerali e catastali, tutte le società, soprattutto quelle a “scatole cinesi” che sorgono e spariscono per dare vita ad altre ancora e risalire a “chi” c’è dietro…

Basterebbe fare queste piccole cose per prenderli tutti e risalire anche a “chi” nelle istituzioni, nella politica, nelle professioni c’è dietro.

Basterebbe volerlo!

Il problema è tutto qua.

E’ la domanda che ci poniamo costantemente.

E quando “Latina Oggi”, nel numero del 9 luglio u. s. , a pag.2, nel servizio “Dialoghi segreti” in cui parla delle cose che non si potrebbero scrivere più se venisse approvata la famigerata “legge-bavaglio” del trio Berlusconi-Alfano-Ghedini, ci ricorda le parole intercettate dalla Polizia a proposito dei… ”200 voti fatti per Toto”, ci viene spontaneo domandarci: “chi è colui che ha deciso di… archiviare tutto? e perché lo ha fatto?”

Già, perché lo ha fatto, senza che qualcuno gliene abbia chiesto ragione?

Si vuole fare seriamente la lotta alle mafie o no?

Ha torto chi, come noi, sostiene che in Italia c’è una “emergenza legalità” che ci sta facendo sempre più somigliare ai modelli sudamericani???

La risposta a voi!!!

Archivi