Il sud pontino e la trattativa Craxi – Bardellino di cui nessuno parla

Il sud pontino e la trattativa Craxi – Bardellino di cui nessuno parla

Giovedì 12 maggio 2016 

di Francesco Furlan

Furono i centodiciannove minuti più lunghi e plumbei della storia politica di quel paese…”. E più avanti, al termine di quella che aveva assunto tutti i contorni di una trattativa, “Il boato con un applauso così liberatorio da provocare un rumore simile alla caduta di tanti calcinacci.Craxi e Bardellino apparvero sulla porta della sezione e fu l’apoteosi a vederli sorridenti con le mani in segno di vittoria”.

E’ uno dei passaggi de I Pascià – Storia criminale del clan Bardellino e della discoteca Seven Up” (edizioni Spring), di Salvatore Minieri, 43enne giornalista, documentarista e reporter. Uno dei tanti che si possono citare di un’opera che vuole “raccontare una delle storie misteriose e inesplorate degli anni ’70 e ’80, uno dei momenti più affascinanti e oscuri dell’espansione della camorra casertana verso il Centro Italia, sui mercati dell’edilizia intensiva e senza scrupoli, nei binari della commercializzazione delle droghe e, soprattutto, nell’ottica dello sfruttamento dell’industria dei “lustrini e delle luce sintetica””.Al centro del “romanzo di cronaca”, che a Formia sarà presentato sabato 11 giugno presso la Sala Ribaud, c’è la discoteca Seven Up, per lungo tempo la più grande e innovativa d’Europa ma anche il covo “alla luce del sole” di un clan che dai comodi e lussuosi uffici dietro le sale da ballo, si impossessava voracemente di pezzi di territorio. Una “fortezza” voluta dal boss Antonio Bardellino, che poteva ospitare fino a 10mila persone, sorta senza alcun permesso, scavando abusivamente la collina di Gianola, oggi un Parco Regionale, e garantita da un intreccio di potere e convenienze confluito nella fallita Banca Popolare del Golfo di Gaeta che, all’epoca, riuscì a legare più o meno silenziosamente, criminalità, politica e ambienti massonici: tutti idealmente saldati in un patto d’acciaio da quella simbolica passeggiata, a inizio anni ’80, tra l’allora sindaco di San Cipriano d’Aversa Ernesto Bardellino e l’ex segretario nazionale del Partito Socialista Italiano Bettino Craxi, costretto a precipitarsi nella bassa valle del Volturno dal presidente della Repubblica Sandro Pertini che voleva evitare l’ingresso in Senato al fratello di un boss.

L’EPOCA DEL SEVEN UP – Anni in cui Formia era sulla bocca e sui giornali del mondo. E la mega discoteca della periferica via Fossa degli Ulivi un punto di passaggio, arrivo o lancio per star nazionali e internazionali quali Ray Charles, Pippo Baudo, Stephen Schlaks, Milva, Peppino Di Capri, solo per citarne alcunechiamate dal direttore artistico e produttore cinematografico Aldo Pomilia, convinte dai ricchi cachet che solo quell’ “astronave” atterrata per volontà di un consorteria criminale, nel silenzio delle istituzioni, poteva offrire. E che oggi giace in stato di abbandono, l’ultimo tentativo di riqualificazione è del 2012.

Il mondo delle star, dello show business, degli eventi, Formia nel 1981 ospitò la giovane “Miss Cinema Roma” Moana Pozzi per la finale nazionale di Miss Italia vinta dalla sedicenne Patrizia Nanetti e, come in un contrappasso, personaggi oscuri, tragici, criminali: dal cassiere della Banda della Magliana Enrico Nicoletti al faccendiere Flavio Carboni, mafiosi quali Luciano Leggio e il boss dei due mondi Tommaso Buscetta, camorristi del calibro di Raffaele Cutolo, il narcotrafficante internazionale Alberto Beneduce, il silenzioso deus ex machina, a cui fu proposta la candidatura cittadina a Sindaco, anche presidente del Formia e del Latina Calcio, oggi collaboratore di giustizia, Aldo Ferrucci e, ancora, un esercito di politici, avvocati, notai e commercialisti più meno noti della provincia pontina, le cui storie dimenticate, seguendo dati e documenti esclusivi mai prima pubblicati, sembrano riemergere dalle macerie delle sale da ballo crollate in un’esplosione che uccise due persone il 3 agosto 1985: la notte che chiuse la straordinaria epopea del “7Up”.

Link video:https://youtu.be/E8Bxy_MaErs

fonte:www.h24notizie.com

Archivi