Il ruolo dei Prefetti ed i doveri di un’associazione antimafia seria

L’ANTIMAFIA DEL “GIORNO PRIMA O QUELLA DEL “GIORNO DOPO “?
I PREFETTI – CHE PER LEGGE HANNO L’OBBLIGO DI ESERCITARE FUNZIONI DI PREVENZIONE NELL’AZIONE DI CONTRASTO ALLE MAFIE – AGISCONO QUASI SEMPRE DOPO CHE E’ INTERVENUTA LA MAGISTRATURA, QUINDI IN FUNZIONE REPRESSIVA, VENENDO MENO AI LORO DOVERI. UN GROSSO PROBLEMA, QUESTO, CHE UN’ASSOCIAZIONE ANTIMAFIA SERIA DEVE AFFRONTARE!
Un’antica abitudine che la dice lunga sulla reale volontà di combattere le mafie in Italia.
Si interviene sempre quando i buoi sono scappati dalle stalle ed il male è già stato fatto.
Il ruolo dei Prefetti.
Uno dei ” mali” del sistema.
Se ne salvano pochi che fanno il loro dovere e quei pochi che lo fanno vengono subito marginalizzati.
Ne abbiamo scritto e continueremo a scriverne ed a parlarne in tutte le sedi perché è proprio nelle Prefetture, presidi del governo centrale sui territori, che vanno individuate alcune cose che non vanno.
Il Prefetto è il rappresentante del Governo in una provincia ed è, quindi, il responsabile massimo della sicurezza e dell’ordine pubblico.
In tale veste egli presiede il Comitato provinciale per la sicurezza e l’ordine pubblico, composto, fra gli altri, dai comandanti provinciali delle forze dell’ordine, un organismo preposto all’elaborazione delle strategie e delle tattiche per combattere la criminalità, comune e mafiosa, ed assicurare la sicurezza dei cittadini.
Possiamo dire, quindi, senza tema di essere smentiti, che, prima che il Questore ed i Comandanti provinciali dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, il primo responsabile è il Prefetto.
Una figura dello Stato che deve essere in grado di intuire le cose, di tracciarne e guidarne possibilmente i percorsi, di indicarne le correzioni eventuali da apportare e di trovare ed applicare i rimedi.
E veniamo, a questo punto, alle INTERDITTIVE ANTIMAFIA.
L'”interdittiva” va emessa NON dopo che sia intervenuta una sentenza della Magistratura, ma PRIMA.
E sulla base di informazioni raccolte dalle forze dell’ordine.
Se queste scrivono che quel soggetto o quell’impresa non sono affidabili ed hanno frequentazioni o collegamenti con elementi riconducibili alla criminalità, il Prefetto emette l’interdittiva che li esclude dal diritto a partecipare alle gare.
Domandate ai Prefetti se lo fanno e quante volte in un anno eventualmente lo fanno!
Ne riparleremo.

Archivi