Il rischio della ricchezza facile, via della camorra e della mafia. L’intervento del Colonnello Salato al Convegno di Ceccano

Attenzione agli appalti a società fantasma e ai tenori di vita troppo alti. Così il colonnello Salato, comandante della Guardia di Finanza di Frosinone, durante il convegno Mafie vicine e lontane, a Ceccano, il 9 novembre, al teatro Antares, ha definito la situazione economica della nostra terra:  “Siamo agli ultimi posti nelle classifiche economiche della nazione ma da noi cifrcolano i SUV in numero impressionante, come impressionante è il numero delle piscine. Questo vuole dire che ci sono grandi fasce della popolazione che vivono con un tenore di vita di gran lunga superiore al reddito denunciato.  Facciamo più di 100 controlli patrimoniali l’anno ed abbiamo un’idea precisa del perché questo accada: innanzitutto c’è una forte evasione fiscale ma poi c’è grande disponibilità di danaro il che ci deve mettere in allarme. Infatti di fronte alla forte crisi economica che ci attanaglia è facile cedere alla tentazione del guadagno facile senza stare lì a guardare per il sottile sulla provenianza di danaro che all’inizio viene offerto senza problemai che poi si trasforma in una terribvile arma di condizionamento e finanche di ricatto. Così la mafia può  impadronirsi senza colpo ferire di aziende e di patrimoni sempre più consistenti. E’ necessaria allora la vigilanza di tutti, a partire da quelle amminstrazioni comunali che non si insospettiscono se le ditte che vincono appalti non hanno dipendenti né capitale sociale e a volte neppure una sede”.

(Tratto da Pietroalviti’s Weblog)

Archivi