Il quadro che ci viene rappresentato,con gli interpreti e traduttori che per paura preferiscono essere perseguiti per reati di favoreggiamento pur di non esporsi davanti alle bande criminali operanti nella Capitale d’Italia,é oltremodo devastante.

Vuol dire che lo Stato non é  più visto e  sentito come garante della libertà  e dell’incolumità delle persone che anche per motivi professionali  vengono chiamate ad  esporsi  nell’azione di contrasto alle mafie.Anni ed anni di delegittimazione e di  abbandono dei Testimoni e dei Collaboratori di Giustizia,che si vanno ad aggiungere a  decenni di  depotenziamento  della legislazione antimafia  e delle strutture ,magistratura e forze dell’ordine ,preposte ad  interpretarla ed applicarla, hanno  portato  alla caduta di ogni fiducia  nei confronti di uno Stato  che ormai non assolve più  ad alcuna funzione,ad alcun ruolo,sul versante dell’azione  contro la criminalità mafiosa.
Il messaggio che passa é devastante perché  esso lascia intendere che la mafia ha vinto di fronte ad uno Stato che ormai non esiste più e ,quindi,non é più in grado di offrire alcuna garanzia di tutela  di chi  vuole combattere la mafia .Se nemmeno  questo servirà a convincere  la gente perbene che non é più tempo di slogan e sceneggiate,di appelli  e buffonate  che servono solo  a rappresentarci  l’orchestra che  continua a suonare mentre il Titanic affonda,per  farla passare dall’”antimafia” delle chiacchiere  e  del palcoscenico a quella dei FATTI e della DENUNCIA ,Nomi e cognomi,a sostegno di quella parte della magistratura che ancora resiste e fa il proprio dovere,vorrà dire che ognuno di noi ,nessuno escluso ,é responsabile della fine dello Stato di diritto e ,quel che é più grave,vorrà dire che  abbiamo tradito  gli stessi interessi dei nostri figli e nipoti ai quali stiamo per lasciare una società criminale  e di miserie morali e materiali,cioè ,un inferno.
ANTIMAFIA DUEMILA 
Mafia Capitale  La minaccia, violenta, a Roma. Intimidire ai tempi di Mafia Capitale

Mafie News 

La minaccia, violenta, a Roma. Intimidire ai tempi di Mafia Capitale

Dettagli
Pubblicato: 29 Dicembre 2015
ttagli
Pubblicato: 29 Dicembre 2015

roma lupa gemellidi Pietro Orsatti*
Il 2015 si conclude a Roma in un clima di guerra. Minacciata e negata. Il duo non comico Tronca-Gabrielli, che la governa per conto del premier Matteo Renzi e del ministro Angelino Alfano, sta dimostrando come al peggio non ci sia mai fine. La città è allo sbando, militarizzata, incupita e ormai rassegnata a un esercizio del potere fuori dal controllo democratico. Vecchie facce ricompaiono nelle nomine di Tronca a posti chiave nella gestione della Capitale, Gabrielli è impegnato ormai a garantirsi il posto di prossimo capo della Polizia e Roma gli serve solo come palcoscenico per la sua campagna di auto promozione. Intanto la città attende. Minacciata dagli stessi poteri e perfino dalle stesse persone che per anni hanno fatto quello che volevano della Capitale del Belpaese.

Il 21 dicembre il quotidiano Il Fatto ha pubblicato un’intervista a Maurizio Abbatino. Quello che rischia oggi l’ex esponente della Banda della Magliana a causa della fine del programma di protezione scattato dopo la sua decisione di collaborare all’inizio degli anni Novanta con la giustizia lo abbiamo già scritto. Quello che descrive Abbatino è uno scenario impressionante, che conferma quello che scrivevamo da anni. Carminati è l’erede della Banda, e Mafia Capitale è la nuova faccia di quell’organizzazione criminale (e mafiosa) che ha insanguinato per decenni Roma. Con chiarezza l’ormai ex collaboratore spiega come tutti sapessero da anni che Massimo Carminati stesse scalando il potere a Roma, come la Banda si fosse riorganizzata (inserendo anche molti nuovi elementi) sotto il suo comando e che il cecato fosse l’erede del gruppo che negli anni ’70 si prese Roma. Ma non solo. Abbatino, infatti, prevede pene miti per gli imputati al processo e soprattutto fa intendere che ci siano ancora figure di spicco in libertà ancora non individuate dagli inquirenti a garantire gli interessi di Carminati e del gruppo criminale. Una storia che si ripete a decenni di distanza, con le maxi operazioni e gli arresti che poi si arenavano in processi e assoluzioni o pene ridotte all’osso. E poi parla della P2 e dei servizi (che saggiamente non chiama mai “deviati”) che continuerebbero a essere parte di un gioco molto pericoloso.

Se l’autore dell’articolo si fosse soffermato meno a cercare suggestioni letterarie (o meglio televisive) forse si sarebbe data maggiore evidenza a quello che Abbatino è riuscito comunque ad accennare nello spazio rimasto. Un’altra piccola occasione mancata da parte della stampa (anche di quella buona come quella de Il Fatto) che non riesce ad astenersi a fare l’occhiolino alla narrazione televisiva anche se questo va a scapito dell’informazione.

Altra notizia è di questa mattina (29 gennaio) e compare su Repubblica. Si apprende infatti come gli interpreti della lingua sinti (derivata direttamente dalla lingua rom), chiamati dai pm e dai giudici a tradurre il contenuto di intercettazioni di uomini appartenenti a clan della Capitale come i Casamonica e gli Spada, si rifiutino di farlo per paura di ritorsioni. Preferiscono rischiare una denuncia per intralcio alla giustizia che la pelle. La questione sarebbe perfino stata portata in sede di Ministero della Giustizia dal presidente del collegio che sta processando alcuni appartenenti degli Spada a Ostia. Basterebbe poco per riuscire a disarmare l’arma dell’intimidazione grazie a un accorgimento tecnico: non costringere il perito interprete a presentarsi in aula davanti agli imputati per confermare il proprio lavoro e quindi garantendone la sicurezza attraverso un ampliamento delle garanzie previste dal programma di protezione per i collaboratori di giustizia.

Ecco, basterebbero (ma non basteranno) questi due frammenti per dimostrare come stia andando in scena attorno a Mafia Capitale un copione antico. E solo parzialmente capito e risolto. E quale sia il clima che aleggia frammisto allo smog sulla Città Eterna in attesa del nuovo anno.

Archivi