Il provvedimento del Prefetto di Napoli sulla società C.L.P.Sviluppo Industriale di trasporto pubblico locale.

Area degli allegati

PREMESSO che:

la soci et à C.L.P. Sviluppo Industriale spa con sede in Napoli , Corso Arnaldo Lucci n.153,

operante nel settore del trasporto pubblico locale è destinataria di informativa antimafia

interdittiva n. I/247/Area 1/Ter/OSP , datata 30.07.2013 , confermata in data 17.09.2014 ,

allo stato impugnata innanzi al TAR Campania Napoli;

la legge 114/2014 ha introdotto alcune misure straordinarie per la gestione, i l sostegno e

il monitoraggio delle imprese che , ai sensi del l ‘ ar t 32 comma lO, possono essere

applicate d’ i ni zi at i va del Prefetto quando sia stata emessa un’ i nf or mazi one antimafia

interdittiva e sussista l ‘ ur gent e necessità di assicurare il completamento del l ‘ esecuzi one

del contratto ovvero la sua prosecuzione a l f i n e di a) garantire la continuità di funzioni e

servizi indifferibili per la tutela dei diritti fondamentali; b) salvaguardare i livelli

occupazionali; c) tutelare l ‘ i nt egr i t à dei bilanci pubblici.

i l 15 luglio 2014 e il 27 gennaio 2015 sono stati sottoscritti due protocolli d’ i nt e s a tra

l ‘ ANAC e il Ministero del l ‘ Int erno , recanti le linee guida per l ‘ avvi o di un circuito stabile

e collaborativo tra ANAC – Prefetture ed Enti locali per la prevenzione dei fenomeni di

corruzione, l ‘ at t uazi one della trasparenza amministrativa e l ‘ appl i cazi one delle misure

straordinarie di gestione , sostegno e monitoraggio di imprese nel l ‘ ambi t o della

prevenzione anticorruzione e antimafia;

CONSIDERATO che:

la soci et à C.L.P. Sviluppo Industriale è affidataria dei servizi minimi di trasporto locale

su gomma di interesse regionale per circa 1.000.000 di Km. annui e di servizi minimi di

interesse del territorio provinciale di Napoli per circa 260.600 Km; inoltre gestisce i

servizi minimi della fallita ACMS (società partecipata della Provi nci a di Caserta), che

riguardano tutto il territorio del comune di Caserta e gran parte del territorio della

provi nci a di Caserta, per un ammontare complessivo di circa 6.000 .000 Km. annui;

la Regione Campania ha comunicato , con nota prot. 682604 del 14.10.2014, di aver

prorogato , a seguito del l ‘ emi ssi one del primo provvedimento interdittivo , ai sensi

del l ‘ ar t . 94, comma 3, del codice antimafia, in via eccezionale il rapporto con l ‘ azi enda

per lo stretto tempo necessario ad individuare un nuovo gestore “al f i ne di consentire la

prosecuzione dei servizi ed evitare danni gravissimi ali ‘utenza sotto i l profilo della

mobi l i t à”, chiedendo nel contempo l ‘ at t uazi one della misura straordinaria di cui al l ‘ art .

32, comma lO del D.L n. 90/2014, convertito in legge n. 114/2014 ;

con lettera in data 12.11.2014 il Presidente deWAutorità Nazionale Anticorruzione ha

proposto allo scrivente l ‘ adozi one della “mis ura prevista dal l ‘ art. 32, comma 1, letto b)

del D.L. n. 90/2014 e cioè la straordinaria e temporanea gestione della c. L. P.

SVILUPPO INDUSTRIALE spa, attraverso la nomina di uno o p i ù amministratori

straordinari, cui attribuire ex lege tutti i poteri e le funzioni degli organi di

amministrazione dell ‘impresa, limitatamente alla completa esecuzione del contratto di

appalto p e r l’affidamento dei servizi di trasporto pubblico locale, con i l compito sia di

gestire l ‘appalto in esame, fino a quando la Regione Campania non provvederà

all ‘eventuale revoca dell ‘appalto, sia di accantonare gli eventuali utili ai sensi del

comma 7 dell ‘art. 32 citato.

con nota n. 112294 del 27.11.2014 e successiva nota n. 15485 del 6.2.2015 sono stati

richiesti al competente Ufficio della Regione Campania i necessari elementi conoscitivi

in merito ai rapporti/contratti in corso di esecuzione con la soci et à CLP Sviluppo

Industriale al fine di avviare la fase istruttoria preordinata all ‘ appl i cazi one del l e misure

straordinarie previste a l l ‘ a r t 32, comma lO, legge 114/2014;

con nota n.107504 del 16.2.2015 la Regione Campania ha fornito gli elementi richiesti

evidenziando i l carattere essenziale del servizio pubblico affidato alla CLP e la necessità

di proseguire il rapporto al fine di garantire un servizio pubblico indifferibile p e r la tutela

di diritti fondamentali;

con la medesi ma nota l ‘ Ent e ha precisato la natura del rapporto contrattuale , i soggetti

coinvolti ed ha quantificato in 6/8 mesi il periodo temporale occorrente per procedere

alla sostituzione , nei predetti servizi di trasporto pubblico locale, del l ‘ i mpr es a

destinataria di interdittiva antimafia;

DATO ATTO che :

con nota n. 21615 del 19.2/2015 , ai sensi del l ‘ ar t 7 della legge 241/1990, è st at a data

comunicazione alla CLP Sviluppo Industriale s.p.a. del l ‘ avvi o del procedimento per

l ‘ appl i cazi one delle misure straordinarie di cui al l ‘ ar t 32 comma lO, l e g g e l 1 4 / 2014 ,

nonché not i zi a della convocazione di un’ apposi t a Conferenza dei servizi (ex art 14,

comma 3, legge 241/90) e della possibilità di presentare eventuali deduzioni da esaminare

in quella sede;

con memori a prodotta in data 24.02.2015 la società CLP ha chiesto un differimento della

Conferenza dei servizi convocata per lo stesso giorno 24 .2.2015 , al l ‘ es i t o della decisione

del TAR Campania – Napoli che dovrebbe intervenire il 25 marzo prossimo (data fissata

per la trattazione del merito della causa);

RILEVATO che , in sede di Conferenza dei servizi, alla quale hanno partecipato la Direzione

Trasporti della Regione Campania, la Città Metropolitana di Napoli, la Direzione Interregionale

del Lavoro di Napol i e la Direzione Territoriale del Lavoro di Napoli, si è proceduto ad

un’ anal i si congiunta in ordine alla sussistenza dei presupposti richiesti dalla normativa vigente

per l ‘ eserci zi o dei poteri straordinari convenendo in particolare sulla:

2

irricevibilità della richiesta di rinvio formulata dalla CLP in relazione alla finalità della

misura straordinaria e al l ‘ ur genza della sua applicazione, tenuto anche conto della non

definitività della sentenza che potrebbe essere pronunciata il 25 marzo p.v . in sede di

giudizio amministrativo di primo grado ;

la sussistenza di tre contratti in essere con CLP: il servizio minimo di trasporto pubblico

regionale (Napoli-Avellino-Foggia; Napoli-Campobasso via Benevento; Napoli-

Campobasso via Telese) sottoscritto in data 11/4/2012 n.29; il servizio minimo di

interesse del territorio provinciale di Napoli ( Volla-Cercola-Pollena Trocchia) Contratto

Ponte n . 175 del 30/12/2002 e Contratto n. 176 del 30/12/2002, nonché il contratto

sottoscritto in data 11/4/2012 (n. CIG 2857397E95) per la gestione dei servizi minimi

della fallita ACMS.

il carattere di essenzialità che rivestono i servizi discendenti dalle citate obbligazioni

contrattuali , non sostituibili in maniera equivalente da parte di altri gestori già autorizzati,

né attraverso altre procedure di gara oltre quelle già avviate;

l ‘ appl i cazi one della misura straordinaria ex art. 32, comma IO, quale strumento

necessario per inibire ogni possibile prosecuzione dei tentativi di infiltrazione mafiosa

nel l ‘ esecuzi one dei contratti , prevenendo al contempo ripercussioni negative nei

confronti di interessi pubblici fondamentali;

VALUTATO:

di condividere la proposta del Presidente del l ‘ Autorità Nazionale Anticorruzione

relativamente al l ‘ adozi one della misura prevista dal l ‘ art . 32, comma l , lett. b) del l a legge

114/2014 e cioè la straordinaria e temporanea gestione della C.L.P. SVILUPPO

INDUSTRIALE spa , attraverso la nomina di uno o più amministratori straordinari ;

sussistenti i presupposti di legge per l ‘ appl i cazi one della misura straordinaria prevista

dal l ‘ art . 32 , comma l , lett. b) della legge 114/2014 in base:

• ai contenuti del provvedimento interdittivo antimafia ed in particolare al

rischio elevato di condizionamenti del “management” aziendale da parte

della criminalità organizzata;

• agli elementi risultanti dalla fase istruttoria del presente procedimento ed

in particolare al carattere del l ‘ essenzi al i t à dei servizi pubblici di trasporto

locale affidati alla società CLP, nonché alla necessità di salvaguardare

l ‘ i nt egri t à di interessi pubblici fondamentali;

RITENUTO di provvedere alla straordinaria e temporanea gestione della CLP Sviluppo

Industriale s.p.a. , procedendo alla nomina di due amministratori cui attribuire ex lege tutti i

3

poteri e le funzioni degli organi di amministrazione del l ‘ i mpr esa, limitatamente alla esecuzione

dei contratti di trasporto pubblico locale, come comunicati dalla Regione Campani a e meglio

specificati in sede di Conferenza dei servizi , per 8 mesi decorrenti dalla data di insediamento

degli amministratori , con la contestuale sospensione, limitatamente al l ‘ esecuzi one dei predetti

contratti, del l ‘ esercizio dei poteri di disposizione e gestione dei titolari dell ‘ i mpresa;

INDIVIDUATI, tra i professionisti esperti utilizzati dal Tribunale di Napoli per la nomi na degli

amministratori giudiziari, i dottori MOLISSO Vincenzo, nato a Napoli il 2.2.1970, e

ARMONIOSO Giovanni, nato a Napoli il 16.10.1971, e che pertanto riuniscono i requisiti di

onorabilità e professionalità previsti dal regolamento adottato ai sensi del l ‘ ar t 39 , comma 1, del

dlgs 270/1999, come da curricula depositati agli atti ;

PRESO ATTO della disponibilità dagli stessi manifestata ad assumere l ‘ i ncar i co di che trattasi

e delle dichiarazioni rese in merito al l ‘ assenza di situazioni di incompatibilità e/o di conflitto di

interessi in relazione alla società ed ai contratti da amministrare;

RITENUTO di rinviare ad un successivo provvedimento la fissazione del compenso

professionale per le attività oggetto del presente atto , da calcolarsi secondo le disposizioni di cui

all ‘ art . 32, comma 6 , della legge 114/2014;

VISTI la legge 241190; il dlgs 159/20 I l ; l ‘ a r t 32 della legge 114/2014;

DISPONE

la straordinaria e temporanea gestione della CLP Sviluppo Industriale s.p.a, con

contestuale sospensione dell’esercizio dei poteri di disposizione e gestione dei titolari

dell’ impresa stessa ai sensi del comma 3, ultima parte dell’art. 32, comma 10, della legge

114/2014, con riferimento ai seguenti contratti di trasporto pubblico: a) contratto per il

servizio minimo di trasporto pubblico regionale (Napoli-Avellino-Foggia; Napoli-

Campobasso via Benevento; Napoli-Campobasso via Telese) sottoscritto in data

11/4/2012 n .29 ; b) contratto ponte n. 175 del 30/12/2002 e contratto n. 176 del

30/12/2002 per il servizio minimo di interesse del territorio provinciale di Napoli ( Vo l l a –

Cercola-Pollena Trocchia); c) contratto sottoscritto in data 1114/2012 (n. CIG

2857397E95) per la gestione dei servizi minimi della fallita ACMS nella provincia di

Caserta.

la nomina dei dottori MOLISSO Vincenzo, nato a Napoli il 2.2.1970, e ARMONIOSO

Giovanni, nato a Napoli il 16.10.1971, quali amministratori straordinari e temporanei cui

vengono attribuiti ex lege tutti i poteri e le funzioni degli organi di amministrazione

dell ‘ i mpr e s a, limitatamente alla esecuzione dei contratti di trasporto pubblico locale ,

come sopra individuati, per 8 mesi decorrenti dalla data di insediamento, con la

4

contestuale sospensione, limitatamente al l ‘ esecuzi one dei predetti contratti, d e l l ‘ esercizio

dei poteri di disposizione e gestione dei titolari dell ‘ i mpr esa;

il rinvio ad un successivo provvedimento della fissazione del compenso professi onal e per

le attività oggetto del presente atto , da calcolarsi secondo le disposizioni di cui a l l ‘ a r t 32 ,

comma 6, della legge 11412014;

I l presente provvedimento sarà notificato, nelle forme di legge, alla CLP Sviluppo Industriale

s.p.a, nonché comunicato al Presidente dell’ A.N .A.C., alla Presidenza del Consiglio dei Ministri

– Segretariato Generale, al Ministero dell’ Interno , Gabinetto e Comitato Coordi nament o Alta

Sorveglianza Grandi Opere , alla Direzione Nazionale Antimafia ed alla Pr ocur a Distrettuale

Ant i mafi a presso il Tribunale di Napoli. Lo stesso sarà pubblicato sul sito web di questa

Prefettura – U. T. G.

Avverso il present e provvedimento è ammesso ricorso al l ‘ Autorità Giurisdizionale

Amministrativa entro il termine di gg. 60 dalla data di notifica.

Napol i, 25 febbraio 2015

Archivi