Il prefetto invia l’«accesso» a Orta Si indaga sugli atti amministrativi – CorrieredelMezzogiorno.it Nella Prefettura di Caserta,con l’arrivo del nuovo Prefetto,si comincia a respirare aria nuova.Complimenti.

Il prefetto invia l’«accesso» a Orta
Si indaga sugli atti amministrativi

Il comune è retto attualmente da un sindaco facente funzioni, Mozzillo, dopo che
per effetto della legge Severino quello in carica, Brancaccio, era stato revocato

CASERTA — Il prefetto di Caserta, Carmela Pagano, ha disposto l’invio della commissione d’accesso sugli atti amministrativi nel Comune di Orta di Atella al fine di verificare eventuali condizionamenti della camorra nella gestione dell’Ente. La commissione sarà presieduta dal viceprefetto Antonio Contarino, già commissario prefettizio al Comune di Castel Volturno. Alla guida del Comune c’è attualmente il vice-sindaco Giuseppe Mozzillo subentrato al sindaco Angelo Brancaccio; questi, alcuni mesi fa, fu condannato in primo grado dal tribunale di Santa Maria Capua Vetere per peculato a 4 anni e sei mesi di carcere con l’interdizione perpetua dai pubblici uffici; subito dopo si dimise e dopo qualche giorno arrivò la sospensione della prefettura sulla base della legge Severino. A quel punto Brancaccio ritirò le dimissioni per evitare l’arrivo della commissione prefettizia permettendo al suo vice di subentrare fino alle elezioni del prossimo maggio.

 

La reazione del sindaco facente funzione

Appreso dell’invio della Commissione stamani il sindaco facente funzioni ha diramato una nota: «In riferimento al Decreto emesso in data 4 marzo u.s. da S.E. il Prefetto di Caserta e notificatoci questa mattina – ha scritto – , ci preme sottolineare che con grande serenità prendiamo atto del provvedimento consapevoli di aver operato sempre nel pieno rispetto della legge. Nel contempo, assicuriamo la nostra piena e totale collaborazione ai funzionari preposti nell’espletamento dell’incarico. A chi, invece, intende strumentalizzare la vicenda per fini politici – ha concluso Mozzillo -, rispondiamo che il lavoro della commissione certamente testimonierà l’assoluta trasparenza e la totale liceità di tutti gli atti amministrativi».