Il narcos dei Contini incastrato da una coppia di amici. L’alloggio vicino al Mariano’s Bar’

Il narcos dei Contini incastrato da una coppia di amici. L’alloggio vicino al Mariano’s Bar’

Il narcos dei Contini incastrato da una coppia di amici. L’alloggio vicino al Mariano’s Bar’
Al vaglio della polizia iberica la posizione delle quattro persone giunte da Napoli a Benidorm

di REDAZIONE

NAPOLI. Iniziano ad arrivare interessanti particolari sulla cattura del narcos dei Contini latitante dal 2 marzo scorso. In primis da sottolineare non solo l’ottimo lavoro dei carabinieri napoletani ma anche della polizia iberica che ha effettuato vere e proprie indagini, sempre in sinergia dell’Arma napoletana, e importanti servizi di pedinamento e perlustrazione.

Alla fine la cooperazione tra Italia e Spagna ha fatto registrare nuovamente importanti risultati sul fronte della lotta alla criminalità organizzata. Dopo la cattura di Salvatore Mariano, grazie ad un blitz in un lussuosissimo resort situato sulla spiaggia di Benidorm, gettonata località turistica valenciana detta la“New York del mediterraneo” iniziano ad arrivare anche dettagli sulla sua cattura. In particolare e al vaglio dei carabinieri la posizione di due coppie di “amici” di Salvatore Mariano, è al vaglio della polizia iberica, la cui collaborazione è stata preziosa alle indagini dei carabinieri sull’uomo che per il clan Contini ha curato l’importazione di droga in Italia. I quattro si sono infatti registrati in hotel con documenti falsi, così come Mariano, la moglie e il loro figlio minorenne. Tutti e sette erano alloggiati nell’appartamento a 5 stelle dell’albergo, vicino un ritrovo molto frequentato della località turistica valenciana, il “Mariano’s bar”.

Il sospetto è che le due coppie abbiano costituito il perno della rete di appoggi che il 42enne ha avuto in questi mesi di latitanza. I militari dell’Arma, che lo cercavano da marzo, hanno avuto la prima traccia significativa per individuare il latitante quando si è ammalato un suo parente stretto; e proprio la polizia iberica ha pedinato i quattro che hanno raggiunto nel resort di lusso Mariano per trascorrere le vacanze con lui. La malattia di un parente di Mariano ha dunque aiutato gli investigatori a iniziare a stringere il cerchio intorno alla figura del narcos del clan Contini. Salvatore Mariano, era sfuggito al blitz del 2 marzo scorso quando i carabinieri del Ros e del Nucleo investigativo di Napoli, con il coordinamento della Dda, eseguirono ben 33 ordinanze contro quelli che venivano definiti i signori della droga, tutti esponenti del clan “Contini”.

FONTE: ILROMA

22/08/2016

fonte:www.internapoli.it

Archivi