Il mondo degli appalti è un bancomat della sporca politica, della criminalità e delle lobby del 5%.

Anche oggi ci siamo, anche l ‘opera del Mose c è!
Entra anche questo appalto nel giro di inchieste per tangenti.
Sembra ormai che la regola del 5% sia prassi consolidata in questo ns paese Italia.
Altro che expo, il dott. Cantone ne avrà lavoro da fare, ma se una testa è infestata da pidocchi allora l ‘unico metodo e rasare la testa a zero.
Non c è altra soluzione, azzerare la classe dirigente attuale, quella fatta di nomine politiche, di incarichi ad personam e di scambi di favori post elezioni.
”Ad ogni posto c è un mio uomo “, cosi esclamava tempo fa un soggetto… oggi indagato.
“Io posso tutto, nessuno può fermarci”, altra frase dell ‘ imputato.
Ma la più devastante era questa…
“Tutti succhiano dalle ns zizze nessuno dirà mai di no!!!”
In questa frase c ‘è tutto ciò che bisogna comprendere, quel tutti, vuol dire TUTTI; esclusi? NESSUNO!!!
Ed per ciò che quelle mazzette singole diventano sistema, regola, prassi e tragicamente modus operandi, nessuno si ribella, nessuno DENUNCIA, nessuno.
E poi perché?
Cosa sarà mai! Lo fanno tutti, e poi facendo cosi si fa carriera!!!
Credetemi, tutti sanno, e spesso non è segretezza la parola d ordine, anzi qualcuno è talmente impunito e spavaldo da mostrare il suo bel Rolex o la sua fiammante auto, quasi costui diventa come un “oggetto da vestrina” stimolatore di desideri altrui, quasi un esempio di corrotto doc.
La pecora nera si evidenzia tra i pecoroni neri; ma se son tutti neri???
Chi noterà mai la differenza??!!!
Chi però si ribella, chi però, sentendo quel fetore di menzogna, criminalità e corruzione, si ribella facendo ciò che in tanti avrebbero dovuto fare, a lui è riservato un trattamento speciale.
Regola numero uno… lo fanno passare per pazzo!
Regola numero due… non lavorerà più…
Regola numero tre… tenteranno di ucciderlo o di farlo uccidere…
Tutto intorno al soggetto per bene svanira’, amici, affetti, carriera tutto si dissolvera’ in un attimo ed cosi che colui che si è ribellato al sistema corruzione diventa un invisibile.
Giorno dopo giorno la lista dei nemici cresce, l ‘effetto domino ormai è partito, i corrotti e corruttori si uniscono nell ‘ultimo attacco finale, fermare a tutti i costi le inchieste, avvocati, amici degli amici, qualche infedele, tutti con un unico incarico; fermare l inchiesta, anche perché ci sono in ballo milioni di euro e poi perdere quegli appalti vorrebbe dire fermare quel sistema.
Allora ognuno ha un compito, c è chi arruola testimoni con un copione, c è chi cerca di screditare l’ accusatore, e c è chi continua a gridare al complotto.
Perché mai lo avrà fatto!!!
E che cosa c’ entra? e se vi sono i riscontri è pura casualità!
E poi siamo tutti innocenti…!!!
E mentre i corrotti e i corruttori, gli indagati e i condannati continuano a vivere nel lusso, a vivere una vita libera da ogni condizionamento, a cercare di intrufolarsi in altri business, l’ uomo onesto, l ‘uomo che senza di lui mai nulla sarebbe emerso paga l ‘essersi messo contro il sistema del 5 %.
Se veramente un giorno qualcosa cambierà non sarà certo per le condanne inflitte a questi personaggi del male affare anche perché la storia ci racconta che chi nella tangentopoli degli anni 90 fu protagonista negativo oggi è ancora protagonista negativo e quella lobby di corruttori e corrotti si è sempre di più rafforzata tanto da prendere il nome di “Fusione “.
Una vita bruciata per sconfiggere quel modus operandi criminale corrotto servirà solo a raccontare alle generazioni future che in 25 anni nulla è cambiato.

Ciliberto Gennaro
Testimone contro la camorra “spa”

Archivi