Il Consigliere regionale del Lazio Zaratti e i rapporti fra mafie e pezzi della politica e delle istituzioni nel Lazio. Perché la Polverini ha finora cancellato la Commissione regionale Legalità e di lotta alle mafie???

FILIBERTO ZARATTI, EX ASSESSORE ED ORA CONSIGLIERE DELLA REGIONE LAZIO, DI SINISTRA ECOLOGIA E LIBERTA’, PONE SUL TAPPETO LA DELICATA QUESTIONE DEL RAPPORTO FRA MAFIE E POLITICA NEL LAZIO

Perché la nuova giunta regionale di destra del Lazio ha cancellato la Commissione Regionale Sicurezza e lotta alla criminalità?

Una domanda, quella di Baratti, che rappresenta un vero e proprio cazzotto in piena faccia e che suscita molte perplessità e tanti interrogativi.

Già, perché???

“Ridurre gli strumenti di indagine e denuncia dei fenomeni criminali – affonda il coltello Baratti – rischia di generare tra le mafie la convinzione di poter agire nell’impunità”.

E, poi, aggiunge:

“Se venissero confermate le cifre sulle candidature sospette di infiltrazioni mafiose nelle liste elettorali delle scorse elezioni amministrative, su cui la Commissione Parlamentare Antimafia sta lavorando, ci troveremmo davanti ad un ulteriore segnale di come la criminalità tenti di conquistare le istituzioni”.

Bravo Baratti.

E’ su questo versante – quello delle collusioni fra mafie e pezzi della politica e delle istituzioni – che bisogna impegnarsi seriamente a far luce.

Ma perché Zaratti non si impegna a far presentare a tutta l’opposizione una mozione unitaria che impegni la Giunta Polverini a ridare vita alla Commissione Sicurezza e Legalità?

Archivi