Il “caso Fondi” non é chiuso . Anzi !!!!!!!!!

IL ” CASO FONDI” NON E’ AFFATTO “CHIUSO”

Abbiamo sempre più netta la sensazione che sia indispensabile ed urgente riaccendere i riflettori sul territorio di Fondi.

Bruno Fiore,con il suo intervento,ha fatto bene a riprenderlo.

E noi vogliamo iniziare a lavorarci nuovamente con particolare attenzione ,pur non avendolo mai abbandonato perché siamo convinti che il più sia ancora tutto da scoprire.

C’é una regola che guida tutto l’agire delle mafie,una regola che recita:

“su un territorio controllato dalla mafia non c’é foglia che si muova che la mafia non voglia”.

Fondi e tutto il sud pontino sono “TERRA DI CAMORRA ED ANCHE DI ‘NDRANGHETA”,” PROVINCIA DI CASALE” e nessuno può negarlo più.

A noi sono pervenute voci di significative operazioni, che sarebbero in corso, di

compravendite,specialmente sul litorale,di ampi appezzamenti di terreni da parte di soggetti e gruppi provenienti dalla Campania.

Lungi da noi l’idea di considerare tutto ciò che proviene da questa regione marcio e mafioso,per carità,perché anche fra i cittadini campani ci sono persone perbene e non sospettabili di collegamenti con la camorra.

Ma,non dimenticando mai la regola cui abbiamo fatto cenno,l’allarme é legittimo e giustificato.

Se,poi,si aggiunge il fatto che ogni operazione importante e che,in quanto tale,ha sempre delle ricadute sull’economia e sulla vita dei territori interessati,oltre che degli acquirenti , essa abbisogna anche di sostegni di carattere amministrativo,politico,professionale e quant’altro di soggetti e corpi locali,il livello dell’allarme aumenta sempre di più.

C’é qualche cittadino perbene di Fondi che voglia darci una mano per scoprire cosa sta succedendo?????

Archivi