Il calvario dei Testimoni di Giustizia.Tante chiacchiere,tanti slogan,tanti appelli e,poi,alla fine,l’emarginazione e la miseria.La lotta alle mafie é solo uno slogan e chi la fa perché crede ancora nella Giustizia e nella legalità ,paga un conto salato .L’ultimo “caso” é quello di Luigi Gallo al quale va la solidarietà solo nostra e di chi,come lui,ha fatto la stessa scelta. Riceviamo al riguardo la nota del Testimone di Giustizia Gennaro Ciliberto che volentieri pubblichiamo:

“ Da anni si discute come aiutare chi ha denunciato le mafie;commissioni di esperti analizzano e propongono ma poi resta il nulla,solo parole.
Non c’è un solo testimone di Giustizia che abbia resistito al colpo finale,quello dello Stato,della burocrazia,dei poteri forti che alla fine presentano il conto.
In Italia tutti vogliono  che i Testimoni di giustizia siano eroi ,ma poi  essi  finiscono per restare  emarginati e nell’indifferenza totale di un Ministro dell’interno Alfano che a parole elogia la loro scelta  e la loro funzione  ma che poi non li riceve ,ne tanto meno si procede alla calendarizzare la nuova legge a loro favore che resta da mesi nei cassetti polverosi delle varie Commissioni parlamentari. Lo sforzo della Commissione antimafia e dell’On.Mattiello in particolare sembra  cadere nel buio e i mesi passano,la legge dell’assunzione è un miraggio per i tanti testimoni che come unica colpa hanno quella di non essere nati in Sicilia dove  la Regione ha provveduto  a  sostituirsi allo Stato  varando una legge che,però,é valida solo  per l’isola e per i suoi cittadini. UN MINISTRO che non trova mai tempo e soluzioni per ridare dignità a questi uomini e donne onesti è un Ministro latitante.
Ora è toccato a Luigi Gallo subire il colpo finale  ma chi lo ha preceduto non si è salvato.Non solo tradito ma anche beffato !  Molti  testimoni vivono alla fame e senza protezione e lo Stato dal  canto suo lancia spot “chi denuncia non resta solo”.
Noi non diremo mai di non denunciare ma non possiamo mentire su cosa il dopo ci ha riservato.
Se questi testimoni hanno nei loro processi vinto le mafie,vinto  contro la corruzione ed il crimine, mandando in galera mandanti ed esecutori ,oggi questi uomini e donne sono distrutti e alla fine del percorso tutti ricevono il “colpo di grazia”e l’eterna sofferenza da uno Stato ingrato e volutamente indifferente. Forse ci sarà un perché accade tutto ciò.
Gennaro  Ciliberto
Testimone di Giustizia
3318306262

Archivi