IL 3 DICEMBRE PROSSIMO,IL TESTIMONE DI GIUSTIZIA GENNARO CILIBERTO INIZIERA’ DAVANTI A PALAZZO CHIGI A ROMA LO SCIOPERO DELLA FAME.

IL 3 DICEMBRE PROSSIMO,IL TESTIMONE DI GIUSTIZIA  GENNARO CILIBERTO INIZIERA’  DAVANTI A PALAZZO CHIGI A ROMA LO SCIOPERO DELLA FAME PER PROTESTARE  PACIFICAMENTE  CONTRO LO STATO DI ISOLAMENTO E DI ABBANDONO  NEL QUALE  SONO TENUTI ,DA PARTE DEL MINISTERO DELL’INTERNO E DEL GOVERNO ,I TESTIMONI DI GIUSTIZIA,COLORO,CIOE’,CHE,PER ESSERSI SCHIERATI DALLA PARTE DELLA GIUSTIZIA E DELLO STATO DI DIRITTO CONTRO LE MAFIE,METTENDO ,PERALTRO, A REPENTAGLIO LA VITA LORO E DEI FAMILIARI ,STANNO PAGANDO PREZZI AMARI.
GENNARO GIA’ QUALCHE ANNO FA  HA FATTO PER CIRCA UN MESE,STAZIONANDO IN UNA MACCHINA  DAVANTI AL VIMINALE,UN ALTRO SCIOPERO DELLA FAME E QUESTO E’ ,QUINDI,IL SECONDO.
EGLI SI BATTE NON SOLO PER I PROPRI DIRITTI MA PER QUELLI DI TUTTI I TESTIMONI DI GIUSTIZIA.
BENE,ANZI MALE ! NOI DELL’ASSOCIAZIONE CAPONNETTO FUMMO TESTIMONI DIRETTI,IN OCCASIONE DEL PRIMO SCIOPERO DI GENNARO DAVANTI AL VIMINALE ,DI UN EPISODIO SCONCERTANTE CHE CI RITORNA SEMPRE ALLA MEMORIA,STEMMO CON LUI E CON PIETRO DI COSTA,ALTRO TESTIMONE DI GIUSTIZIA,PER UN’INTERA GIORNATA  DAVANTI AL MINISTERO DELL’INTERNO  PER CHIEDERE UN INCONTRO  CON IL VICE MINISTRO BUBBICO. AD UNA CERTA ORA  FUMMO RICEVUTI MA DA QUELL’INCONTRO USCIMMO SCONVOLTI PERCHE’ ANCHE NOI DELLA CAPONNETTO FUMMO  UMILIATI CON  PAROLE  OFFENSIVE TIPO “ VOI  DOVETE FINIRLA DI PORTARE IN PROCESSIONE COME MADONNE PELLEGRINE I TESTIMONI DI GIUSTIZIA “.LA SERA NON FACEMMO A TEMPO A RIENTRARE  A CASA CON IL PROPOSITO DI RITORNARE L’INDOMANI, CHE CI ARRIVO’ UNA TELEFONATA DI PIETRO DI COSTA CHE CI COMUNICO’  IL FERMO DI ENTRAMBI. ERANO STATI PRESI ENTRAMBI E PORTATI AL CENTRO DI IMMIGRAZIONE PER L’IDENTIFICAZIONE  E LA PRESA DELLE IMPRONTE DIGITALI,COME  SE FOSSERO DUE PREGIUDICATI.
IN QUEL MINISTERO NOI DELLA CAPONNETTO  SIAMO ENTRATI DUE SOLE VOLTE :LA PRIMA,QUANDO C’ERA  COME MINISTRO MARONI E NOI ANDAMMO DA LUI ,RICEVUTI CON I TAPPETI ROSSI,PER ESPORGLI  LA SITUAZIONE DEL “CASO FONDI”,LA SECONDA , CON MINISTRO ALFANO E VICE MINISTRO BUBBICO.
CI AUGURIAMO DI NON ENTRARE MAI PIU’  IN QUEL PALAZZO FINO A QUANDO CI SARANNO QUESTE DUE PERSONE  !!!!!
IL NOSTRO AUSPICIO ORA E’ CHE  IL 3 DICEMBRE  DAVANTI A PALAZZO CHIGI  RENZI NON DISPONGA  DI MANDARE  LA POLIZIA CONTRO  GENNARO E GLI ALTRI TESTIMONI DI GIUSTIZIA  !  NOI DELLA CAPONNETTO CI SAREMO  ED INVITIAMO TUTTI,PARLAMENTARI COMPRESI, A VENIRE A SOLIDARIZZARE CON CHI STA CON LA GIUSTIZIA E LO STATO DI DIRITTO.
                                                                                                                                                                            ASSOCIAZIONE A.CAPONNETTO

Con enorme dolore devo annunciare che venerdi 3 Dicembre sarò dinnanzi a palazzo Chigi per iniziare lo sciopero della fame, in protesta per la  mancata attuazione del programma di protezione e il non rispetto della legge 45/2001.
Questa è l’ultima mia  possibilità nonostante sia invalido e ammalato sono costretto a questo ultimo gesto di umiliazione.
Mi sono sempre attenuto alle regole comportamentali del programma di protezione,mi sono ricotruito da solo una vita una nuova identità un lavoro ….tutto da solo, ma non mi sarei mai aspettato che dallo Stato ci fosse quel silenzio che ti uccide e ti rende vittima a vita.
Sono un testimone di giustizia attualmente a programma speciale di protezione per imminente pericolo di vita e venire a Roma a scioperare mi espone a rischio ma non ho altra possibilità.
Dopo aver inoltrato tante istanze dopo due anni solo silenzio.
Quindi da una parte lo Stato mi difende dalla camorra e dall’altra parte mi isola ed ignora.
Mesi e mesi per ricevere una risposta dalla commissione centrale ex art.10 dal presidente Bubbico …..ma nulla!!!
poi c’è l’umiliazione di vedersi attaccare il telefono dalla segreteria del Vice Ministro, basta dire sono un testimone di giustizia che ti staccano la linea.Un
vice ministro che promette  di persona ma che poi scompare nel nulla.
Un sistema che ti reputa un peso un rompi palle.
Basta …..il 3  Dicembre io sarò li a dire al popolo onesto e a chi non mi ha mai abbandonato che lo Stato siamo noi e che un testimone di giustizia pretende rispetto e che il governo deve rispettare la legge.
Sappiate che un testimone di giustizia per poter votare deve recarsi da solo ,percorrere migliaia di km e anticipare centinaia di euro e non tutti i testimoni potranno permettersi di votare …..
Ho dalla mia 45 mila persone che mi seguono a loro chiedo di essermi vicino .
CILIBERTO GENNARO
TESTIMONE DI GIUSTIZIA
CONTRO LA CAMORRA SPA

Archivi