Ignazio Cutrò, un’icona della lotta contro Cosa Nostra, crea l’Associazione antiracket “Libere Terre”. Siamo con lui con affetto. Gli italiani onesti siano tutti con lui

Comunicato Stampa

Con il coinvolgimento di imprenditori, commercianti, professionisti e giovani e grazie al coraggioso impegno di Ignazio Cutrò, è nata l’Associazione Antiracket “Libere Terre” che si propone come strumento di sensibilizzazione alla legalità e di sostegno verso tutti coloro che contrastano e si ribellano al sistema mafioso.

Ignazio Cutrò, testimone di giustizia, ha voluto la costituzione di “Libere Terre” perché, dalla sua esperienza di imprenditore perseguitato dalla mafia, ha maturato la convinzione che per battere il racket delle estorsioni è indispensabile liberare gli operatori economici dalla solitudine e dalla paura, una solidarietà che deve far saltare il macabro gioco dell’avvertimento e della ritorsione e deve restituire dignità, capacità d’impresa ed al lavoro degli imprenditori onesti.

“L’Associazione Antiracket Libere Terre” sarà ufficialmente presentata il giorno 21 maggio alle ore 10.00 presso il Supercinema Sardella di Bivona, città natale di Cutrò. Alla manifestazione di presentazione parteciperanno rappresentanti delle Istituzioni, Parlamentari e Amministratori Locali, delegazioni di Associazioni Antiracket, imprenditori e una folta delegazione di studenti.

Con l’avvio dell’Associazione Antiracket “Libere Terre” e con l’impegno di Ignazio Cutrò si attiverà, nella provincia di Agrigento, un nuovo utile strumento di sensibilizzazione delle coscienze che si affiancherà al diurno instancabile lavoro della magistratura e delle forze di polizia per portare avanti la causa comune della liberazione della terra di Sicilia dalla malapianta della mafia.

Archivi