I rifiuti, una pagina con tanti interrogativi. Un servizio dettagliato sul sito Indymedia Calabria che invitiamo a leggere, con notizie che riguardano anche Latina, Terracina e non solo.

I Rifiuti, una pagina con tanti interrogativi della storia non solo della Campania ma anche del Lazio e di altre regioni.

E della provincia di Latina.

Mille inchieste, mille domande.

Sul sito web “Indymedia Calabria” è riportato un servizio dal titolo “La borghesia dei rifiuti: il volto nascosto della… ”, nel quale, fra le tante altre cose, si parla anche di Terracina e di Latina.

Nel servizio, riportato, peraltro, anche su altri siti della Calabria, a pag 4, nel capitolo intitolato “Quei noli ai Casalesi”, è scritto testualmente:

“Sotto le luci dei pm di Latina è finita anche l’assegnazione di subappalti a imprese poco chiare. ”Tra i soggetti beneficiari di tali affidamenti, è scritto nell’ordinanza di sequestro delle quote della Terracina ambiente-compaiono imprese e imprenditori da tempo privi dei certificati antimafia e già interessati da provvedimenti di diverse autorità giudiziarie”.

Orbene, essendoci, presumiamo, delle indagini ancora in corso, omettiamo di proposito di riportare nomi e cognomi citati nel servizio in questione di politici locali che sarebbero coinvolti nella vicenda ed invitiamo i lettori a visitare direttamente il sito www. indymedia calabria”.

Ma quello che ci ha colpito, pur avendolo già letto su giornali locali, è il riferimento dettagliato che viene fatto nel servizio stesso al ricorso, da parte della Terracina ambiente, che ci sarebbe stato, a una società di Casal di Principe per il noleggio di autocompattatori sin dal 2007, società che sarebbe già stato oggetto di provvedimenti da parte della Procura di Napoli.

Ove tutto ciò venisse provato nel prosieguo delle inchieste e dei relativi procedimenti, non sarebbe altro che una conferma a quanto da tempo stiamo sostenendo in ordine all’esistenza in provincia di Latina di un’area grigia che lambisce i rapporti esistenti tra aree della politica ed ambienti quanto meno poco trasparenti.

Archivi