I ‘raccomandati’ dall’Assessore all’Ambiente Stefano Galetto e il profilo di Sandro Cucchiarelli

Latina 11.04.2006

Alla Prefettura
Piazza della Libertà – Latina

e per conoscenza
Alla Direzione Nazionale Antimafia
Via Giulia 52 – Roma

Al Presidente Commissione Trasparenza
Dott. Mauro Visari – Latina

Alla Stampa – Loro Sedi

L’articolo pubblicato in pag.3 dal quotidiano locale “LATINA Oggi” ha creato un serio allarme nella cittadinanza di Latina, in particolare crea allarme la provenienza delle persone che figurerebbero nella lista dei ‘raccomandati’ dall’Assessore all’Ambiente Stefano Galetto, come pure il profilo di quello che viene chiamato “l’amico dell’Assessore” Sandro Cucchiarelli.

Ci si interroga altresì sugli scopi della Associazione Anta (Associazione Nazionale Tutela Ambientale) che sicuramente nella ragione sociale saranno ‘socialmente utili’, ma quella ragione sociale ‘coniugata’ alla carica politica che riveste, nel ‘circolo di Alleanza Nazionale più grande della città’, il Presidente Cucchiarelli ed alla circostanza che sia stata assegnata la gestione della spiaggia di Valmontorio e quanto si va delineando in quella porzione di territorio, con opere già portate avanti nella passata gestione e che si profileranno a breve, fanno immaginare una lottizzazione del territorio e delle attività da parte di imprenditori, sui quali occorrerebbe puntare l’attenzione.

Per l’Associazione Caponnetto queste ‘scoperte’ preoccupano; preoccupa che in una città l’egemonia di pochi, non solo danneggia la imprenditorialità locale per l’innesto di un sistema di favoritismi in danno del libero mercato; preoccupa sotto il profilo della legalità e quant’altro potrebbe emergere dall’analisi della provenienza dei c. d. ‘raccomandati’, che diffonde una forte di illegalità; preoccupa altresì il metodo un po ‘mafioso’ nella gestione della cosa pubblica, come commentava la gente.

La Latina-Ambiente sta ottenendo molto denaro pubblico, dal socio maggioritario, i dipendenti attraverso la RdB (Rappresentanza di Base) parla di sprechi e promozioni facili, le assunzioni di ‘raccomandati’ dell’assessore Galetto e di cui si ignora la provenienza geografica, devono porci non pochi interrogativi e richiede che vi sia una maggiore trasparenza ed una risposta chiarificatrice, che spazzi via quei dubbi ed interrogativi che la gente manifestava chiaramente apprendendo attraverso la lettura di questa vicenda.

Se non ci sarà chiarezza e trasparenza da parte di chi governa questa città, se non ci saranno interventi per chiedere spiegazioni da parte di chi rappresenta il Governo nazionale, saremmo autorizzati a condividere quello che la gente diceva alla lettura dell’articolo, saremmo a condividere una indagine da parte della Direzione Nazionale Antimafia che ci dica quello che non ci vuol dire chi governa, che la città sta passando in mano ad un ‘sistema mafioso’ della gestione pubblica e quant’altro può venire fuori dagli sviluppi della indagine giornalistica di Daniele Vicario a cui riconosciamo la forza di denunziare questa faccenda di basso profilo, che può celare ben altro che una storiella di ‘raccomandati’.

Il Segretario Area Nord Provincia di Latina “Associazione Antonino Caponnetto”
Mario BERNARDIS

Archivi