I Procuratori acquisiscano la bobina dell’intervista di Carmine Schiavone

L’intervista di Carmine Schiavone a Chiara Cerqueti di SkyTg24
La cosa più inquietante, se fedelmente riportata su molti giornali, è per noi, oltre alla notizia della presumibile morte per tumore di 5 milioni di persone a causa dell’inquinamento determinato dall’interramenti di rifiuti tossici e nocivi, è quella che riguarda la corruzione di molti soggetti delle istituzioni.
“500 milioni al mese andavano per la corruzione.
Mantenevamo caserme, carabinieri e Guardia di Finanza.
Un totale di 3 miliardi di spese in 30 giorni”.
Delle due una:
o Carmine Schiavone afferma il falso ed allora va perseguito o, se dice la verità, lo Stato deve processare se stesso.
L’Associazione Caponnetto chiede al Procuratore nazionale antimafia Roberti ed ai suoi colleghi coordinatori delle DDA di Roma, Napoli e Campobasso di acquisire la bobina della registrazione completa (sembra durata circa 2 ore) dell’intervista per mettere sotto processo tutti quei funzionari dello Stato, dai prefetti in poi, compresi i ministri, che, informati, non hanno fatto il loro dovere.
Se ciò non si verificherà vorrà dire che ormai il marcio è nelle fondamenta di questo stato e dovremo tutti alzare bandiera bianca di fronte alle mafie.

Archivi