I nuovi procuratori europei rischiano di fare concorrenza all’Antimafia

I nuovi procuratori europei rischiano di fare concorrenza all’Antimafia

Il 10 aprile si chiude il bando lampo (aperto il 1 aprile) per i 20 procuratori europei delegati, che faranno capo alla procura europea e con competenze in materia di frodi ai danni dell’Ue

GIULIA MERLO

LaPresse

09 aprile 2021 • 18:13

  • Apparentemente si tratta di un passaggio quasi burocratico di selezione, in realtà, il nodo delle nomine è cruciale e le nomine sono guardate con interesse ma anche con diffidenza dal corpo togato.
  • La procura europea è stata difesa da Quirinale e ministero della Giustizia come via per l’integrazione europea, ma al Csm il timore è che questo nuovo livello europeo con potestà d’indagine esclusiva entri in collisione con le competenze delle procure distrettuali antimafia, creando un cortocircuito.
  • Anche per questo la scelta dei 20 giudici è fondamentale. Se a candidarsi al ruolo saranno toghe di esperienza e prestigio, saranno anche in grado di reggere il confronto coi colleghi dell’Antimafia. Altrimenti il rischio è che finiscano schiacciate nei cavilli della competenza, inficiando il meccanismo di integrazione penale europea.

Alle 17 di sabato 10 aprile scade il termine per presentare domanda al Consiglio superiore della magistratura, per diventare procuratore europeo delegato. Venti posti messi a bando il 1 aprile con una procedura rapidissima, per individuare altrettanti magistrati attualmente in ruolo che continueranno a operare sul territorio italiano ma saranno alle dirette dipendenze del procuratore europeo, oggi la rumena Laura Kovesi, con sede in Lussemburgo.

Apparentemente si tratta di un passaggio quasi burocratico di selezione: il bando indica i requisiti e i criteri di scelta, che privilegiano in particolare i togati con una ottima conoscenza dell’inglese, un’esperienza professionale maturata in materia di assistenza e cooperazione giudiziaria e nei reati che sono di competenza della procura europea, ovvero quelli di natura finanziaria ai danni dell’Unione europea.

In realtà, il nodo è cruciale e le nomine sono guardate con interesse ma anche con diffidenza dal corpo togato. Tanto che i nomi dei candidati sono rimasti coperti e nessun magistrato lo ha dichiarato pubblicamente, per paura di venir bruciato.

La procura europea (Eppo) ha competenza esclusiva nell’indagare su condotte fraudolente ai danni del bilancio dell’Unione europea, reati contro il sistema comune dell’iva condotti in più stati membri, appropriazione indebita e riciclaggio sempre su scala europea. Tradotto in pratica, per esempio, tutti i reati che avranno a che fare con i fondi del Next Generation Eu. Questa competenza esclusiva e soprattutto il controllo decentrato a Bruxelles rischiano però di entrare nei delicati equilibri dei rapporti tra uffici e procure nazionali.

Questo aspetto ha reso complicato approvare i passaggi per le nomine dei procuratori europei delegati e non a caso l’approvazione del parere favorevole del Csm che ha permesso di sbloccare il bando è avvenuta durante una seduta del plenum straordinaria, alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella e della ministra della Giustizia, Marta Cartabia. Quirinale e via Arenula hanno sposato e difeso il progetto, che viene considerato un passo fondamentale per l’integrazione europea. Il Csm ha invece riportato pareri contrastanti e soprattutto timori che la nuova super-procura e i suoi “delegati” italiani creino confusione nella gestione di inchieste delicate, in particolare sovrapponendosi alla Direzione nazionale antimafia.

I TIMORI

Se gli uffici di cooperazione giudiziaria europea come l’Eurojust esistono da tempo, infatti, la procura europea nasce per essere qualcosa di completamente diverso e fa sorgere una serie di questioni. La prima riguarda il fatto che questa procura avrà potestà punitiva, dunque lo Stato italiano e gli altri 22 che aderiscono delegheranno a questo ufficio la titolarità dell’azione penale. Una dismissione di competenza che per ora è limitata solo ad alcuni reati, ma la cui rosa in futuro non potrà che essere ampliata. Dunque ecco il rischio: in Italia oggi le procure distrettuali hanno attratto la maggior parte delle competenze e lo strumento è risultato efficiente e dotato di personale di magistratura inquirente altamente qualificato ma quasi un gruppo a sé nella categoria. Aggiungere un nuovo livello europeo, che per come è congegnato punta ad essere una presenza ingombrante, significa necessariamente modificare alcuni equilibri nel nostro sistema.

Non a caso, nel suo intervento al plenum, il togato e magistrato antimafia Nino Di Matteo ha detto: «Dobbiamo evitare che l’avvio delle attività della procura europea rappresenti in concreto nel nostro Paese un depotenziamento dell’altissimo livello di contrasto alle mafie, finora assicurato dall’attribuzione in via esclusiva alle competenze delle Direzioni Distrettuali Antimafia e della Procura Nazionale Antimafia».

Inoltre, l’articolazione europea avrà un funzionamento anomalo rispetto alle procure italiane: i 20 procuratori europei saranno distribuiti tra 9 sedi: 3 a Roma e Milano e 2 a Napoli, Bologna, Palermo, Venezia, Torino, Bari e Catanzaro. Dunque non ricalcheranno l’organigramma dei 26 distretti giudiziari in cui oggi si articola la macchina giudiziaria italiana.

Ecco dunque il principale interrogativo che dovrà essere risolto: come si gestirà la competenza, nel caso in cui nelle indagini europee si incappi in organizzazioni mafiose. Basterà questo collegamento a far spostare la competenza delle indagini da Eppo alle procure antimafia? Anche per questo la scelta dei 20 giudici è fondamentale. Se a candidarsi al ruolo saranno toghe di esperienza e prestigio, saranno anche in grado di reggere il confronto coi colleghi dell’Antimafia e di collaborare proficuamente. Altrimenti il rischio è che finiscano schiacciate nei cavilli della competenza, inficiando il meccanismo di integrazione penale europea prima ancora che abbia potuto dare frutti.

 

Fonte:https://www.editorialedomani.it/

 


Archivi