I dirigenti del PD romano buttano la maschera e, discriminando l’Associazione Caponnetto, dimostrano di voler un’antimafia di regime.

Abbiamo la comunicazione ufficiale dell’Amministrazione Provinciale di Roma dalla quale risulta che l’Associazione Caponnetto è stata discriminata ed esclusa dalla rosa delle sigle che costituiscono il Comitato di Coordinamento della Consulta Antimafia provinciale.

Un atto gravissimo che porta la firma di Franco La Torre.

Senza parole.

Risultano inclusi comitatini locali ed è stata esclusa un’Associazione prestigiosa coma la nostra che ha dimensioni che vanno al di là dei confini della Regione Lazio.

Una vergogna.

Il PD ha buttato la maschera ed ha dimostrato di voler un’antimafia di regime che discrimina chi, come noi, rifiuta ogni etichettatura partitica.

Bene così.

La gente potrà rendersi conto così con chi abbiamo a che fare e come sono ipocrite certe affermazioni di lor signori.

Archivi