Ha sconfessato il padre Carmine Schiavone, pentito di camorra e collaboratore di giustizia, e capeggiava la cellula casalese che spadroneggiava nel nord pontino e sul territorio della provincia di Roma

Leggi l’articolo di Latina Oggi

Archivi