Grasso anticipa voto su arresto Caridi, bagarre in Senato: imbarazzo Pd

Grasso anticipa voto su arresto Caridi, bagarre in Senato: imbarazzo Pd
Il Messaggero, Giovedì 4 Agosto 2016

Grasso anticipa voto su arresto Caridi, bagarre in Senato: imbarazzo Pd

Il presidente del Senato Pietro Grasso, all’inizio dei lavori dell’Assemblea, ha disposto l’inversione dell’ordine del giorno dei lavori: l’Aula affronterà prima la relazione della Giunta delle Immunità sulla richiesta di arresto del senatore Gal Antonio Stefano Caridi e poi riprenderà a votare articoli e emendamenti del ddl di riforma dell’editoria. Subito dopo, Forza Italia, con Lucio Malan, ha chiesto una controinversione dell’ordine dei lavori per rispettare il programma di lavori prestabilito. Immediata è scoppiata la bagarre contro la decisione di Grasso. «Lei qui sta intaccando la democrazia!», lo ha attaccato il capogruppo Gal, Lucio Barani. Grasso ha replicato invitandolo a moderare i toni e a «non permettersi» di lanciare queste accuse contro di lui.

Il Pd, evidentemente in imbarazzo, ha sottolineato, con il presidente Luigi Zanda, l’autonomia della decisione assunta dal presidente del Senato. «Prendo atto della sua decisione – ha infatti sottolineato Zanda – avendola appresa nel momento in cui l’ha comunicata. Due sole considerazioni»: la prima è quella di riconoscere «all’Aula del Senato la qualità del lavoro svolto in questa fase. Ha lavorato intensamente e con molta responsabilità, non c’è stato neanche da parte delle opposizioni alcun momento di ostruzionismo. La seconda è che sono dei momenti nella vita del Parlamento in cui questo è chiamato a scelte molto difficili, e questo è uno di quei momenti. Sono certo che l’Aula del Senato continuerà a esprimersi secondo coscienza,secondo diritto, secondo senso dello Stato».

FI ha chiesto formalmente la convocazione di una capigruppo sull’ordine dei lavori. Anche Area popolare, con la presidente Laura Bianconi, ha espresso contrarietà all’inversione dell’ordine dei lavori, giudicando sufficiente il tempo a disposizione del Senato nella giornata di oggi. Per i Conservatori e riformisti, Luigi Compagna, ha definito «offensiva verso la figura di garanzia della presidenza del Senato» la decisione di Grasso.

Archivi