Grandi magistrati Lombardo e Cafiero de Raho,che insieme ad altri loro colleghi di altre DDA come i Pignatone,i Prestipino,i Di Matteo,i Teresi ed ad altri i cui nomi ora ci sfuggono delle DDA di Reggio Calabria,Catanzaro,Palermo,Napoli ,Roma ecc,,onorano la toga e la Giustizia ,quella con la G maiuscola,nel nostro Paese .Ce ne stessero tantissimi altri !!!!!!! Noi abbiamo avuto l’onore e la fortuna di conoscere , frequentare ed amare particolarmente qualcuno di questi,a cominciare da Cafiero De Raho.Serio,schivo,non amante del palcoscenico,preparato.Ti fanno venire la voglia di lavorare,sapendo che non lo fai invano!!!!Grazie per quello che fate per questo Paese sfortunato!!!! Grazie un milione di volte !!!

PALAZZI E POTERE | Il terremoto parte da Reggio Calabria 

Nelle carte dell’inchiesta Breakfast la ragnatela di relazioni per promuovere prefetti, “silenziare” Bossi, lucrare sul Ponte sullo Stretto. Tutto parte dalle telefonata di Domenico Aiello, il legale (calabrese) di Maroni

Martedì, 08 Dicembre 2015 

La Procura di Reggio Calabria La Procura di Reggio Calabria

LAMEZIA TERME Il prossimo terremoto giudiziario (non manca nulla: dai rapporti di potere tra la Lega e Berlusconi agli intrighi politici attorno al Ponte sullo Stretto, ai patti indicibili tra istituzioni, industriali e mondo dello sport) ha come epicentro la Procura di Reggio Calabria. È l’inchiesta “Breakfast”, della quale ilFatto Quotidiano in edicola martedì anticipa stralci che potrebbero far tremare pezzi importanti del potere. Cominciando dalle nomine del ministero dell’Interno e dei prefetti. Tra i quali il commissario del Comune di Roma Francesco Paolo Tronca, che avrebbe chiesto una mano al potere leghista per diventare prefetto di Milano nel 2013. Il passepartout per i giochi nei Palazzi sono le intercettazioni che vedono protagonista Isabella Votino, storica portavoce del governatore della Lombardia Roberto Maroni. Colloqui che spaziano lungo tutto l’arco politico italiano, con importanti passaggi calabresi. L’incipit, innanzitutto. Il Fatto Quotidiano pubblicherà le intercettazioni telefoniche e ambientali dell’indagine Breakfast, condotte dal Centro operativo della Direzione investigativa antimafia di Reggio Calabria. L’inchiesta, condotta dal pm Giuseppe Lombardo sotto il coordinamento del procuratore capo Federico Cafiero, va avanti in gran segreto da tempo.

LE INTERCETTAZIONI Gli investigatori si sono imbattuti nel “terremoto politico” dopo aver attivato intercettazioni nei confronti dell’avvocato Aiello, legale di fiducia del governatore Maroni e della Lega. Ma anche compagno di Anna Maria Tavano, ex direttore generale della Regione Calabria, successivamente assunta come manager in Lombardia. L’attività di indagine era stata avviata per appurare i rapporti di Aiello con il consulente legale Bruno Mafrici, figura chiave in Breakfast, un uomo le cui relazioni spaziano – secondo le informative della Dia – dalla politica leghista al clan De Stefano. In parallelo, avanzavano le intercettazioni sulla portavoce di Maroni Isabella Votino. «A prescindere dalla rilevanza penale – scrive Marco Lillo sul quotidiano diretto da Marco Travaglio –, quelle conversazioni devono essere pubblicate perché i fatti che svelano sono di rilievo pubblico. La sensazione anzi è che qualcuno abbia messo un coperchio su un pentolone pieno di storie imbarazzanti per i poteri dello Stato». Un dietro le quinte del potere sull’asse Roma Milano, dunque. Illuminante per svelare certe dinamiche.

L’AVVOCATO CALABRESE Non c’è solo il prefetto Francesco Paolo Tronca nei brogliacci. Ci sono gli accordi tra Maroni e Berlusconi per convincere Bossi a mettersi da parte, le sponsorizzazioni dell’ex Cavaliere in vista di Expo, il presunto ricatto (sempre di B.) a Maroni. E il tentativo dell’amministratore delegato di Impregilo, Pietro Salini, di “fottere” lo stato «con la complicità della portavoce dell’allora segretario della Lega, sempre Isabella Votino, per ottenere il pagamento delle penali per un miliardo di euro della mancata costruzione del Ponte sullo Stretto». C’è molta Lega, nel passaggio tra vecchio e nuovo corso. E, ovviamente, un ruolo centrale ha l’avvocato calabrese Domenico Aiello. Un professionista che, vuole l’aneddotica più accreditata, sarebbe entrato nel “cuore” di Maroni per la comune fede milanista, per diventare un punto di snodo dei principali interessi lumbàrd. Aiello telefono a vari procuratori per tessere la sua tela, chiedendo informazioni e audizioni. E le loro risposte sono le più disparate: c’è chi chiude senza lasciare possibilità, chi apre le porte e chi, addirittura, chiede favori. Un quadretto poco edificante. L’epicentro è la Calabria. E un’inchiesta esplosiva sulla quale qualcuno ha cercato di mettere il coperchio.

Archivi