Gaeta,una San Luca nel Lazio sotto il tallone di ferro di camorra e ndrangheta e nessuno vede e parla .”Nun sacc niente”.

        GAETA ,LA NUOVA SAN LUCA  DEL LAZIO ?  

Manca poco che la camorra cacci i pochi cittadini gaetani rimasti in citta’ perfino dalle loro case  e si appropri anche di queste e non c’é un pur minimo segnale di resistenza.

Una citta’  morta che ha perso perfino la capacita’di un sussulto di orgoglio.

Un processo culturale,etnico,sociale ed economico dalle origini lontane ha trasformato  questo antico e bel lembo del Lazio  da uno dei paradisi romani in un pezzo dell’estremo sud.

Ieri nuovo sequestro di ben 11 beni della camorra che si vanno ad  aggiungere ad un’altra decina e più già confiscati anni fa.

E stiamo parlando solamente di beni scoperti e non di quelli che ancora dovranno essere scoperti e non si scoprono perché  là nessuno vede,nessuno sente e nessuno parla  e denuncia e segnala.

Una San Luca nel Lazio!!!!

Ed anche questa scoperta é avvenuta per caso e “da fuori”,come suol dirsi per merito della Guardia di Finanza di Bologna,Roma e Napoli -e non dalle forze del luogo che indagava su un grosso giro di riciclaggio.

Un brivido a vedere,anche se all’estremo lembo del Lazio ed a confine con la Campania,una nuova San Luca  a quattro passi dalla Capitale d’Italia.

Archivi