funzionamento presidi investigativi e Giudiziari provincia di Latina

Latina, 24 maggio 2006

On. Presidente della Repubblica – ROMA
On. Ministro degli Interni – ROMA
On: Ministro della Giustizia – ROMA
On. Ministro delle Finanze – ROMA
On. V. Presidente Consiglio Superiore Magistratura -ROMA

Oggetto: funzionamento presidi investigativi e Giudiziari provincia di Latina

Trasmettiamo, allegate alla presente, tre note pubblicate sul sito ufficiale di questa Associazione Regionale e relative al problema del funzionamento degli apparati investigativi e giudiziari soprattutto delle province di Latina e Frosinone.

Sono anni che questa Associazione chiede, tenuto conto delle mutazioni delle mafie che si sono trasformate in “impresa”, una radicale inversione di rotta nelle strategie e nelle tattiche investigative. Ripetutamente abbiamo richiamato l’attenzione degli Organismi investigativi e giudiziari locali sull’esigenza inderogabile di dare inizio ad una serie di indagini sulla “provenienza” dei capitali che sono stati investiti nelle due province e sul litorale sud della Capitale, scoprendo anche le collusioni esistenti fra esponenti politici e mafie, come hanno dimostrato i “fatti” di Nettuno, Ardea ecc.

Ma, soprattutto per quanto riguarda le due province di Latina e Frosinone, sembra che, ad oggi, i nostri inviti siano caduti in gran parte nel vuoto.

Alla luce di tale situazione, vi preghiamo di disporre un’indagine tendente ad accertare carenze, ritardi, eventuali omissioni da parte degli apparati locali dello Stato nell’azione di contrasto della criminalità organizzata.

Fiduciosi in un V/s rigoroso intervento, porgiamo cordiali saluti

IL SEGRETARIO REGIONALE
Dr. Elvio Di Cesare

Allegati n.6

Archivi