Formia – Il parroco di Sant’Erasmo: “La retorica che la camorra non è presente non ci incanta più”

Formia – Il parroco di Sant’Erasmo: “La retorica che la camorra non è presente non ci incanta più”

Dure parole di Don Alfredo Micalusi durante l’omelia per la chiusura dei festeggiamenti di Sant’Erasmo, patrono di Formia

La Redazione

02/06/2022 17:01

Sono parole che vanno dritte al punto quelle pronunciate da Don Alfredo Micalusi, al termine della Messa per i festeggiamenti di Sant’Erasmo, a Formia. Il parroco della chiesa patronale della cittadina tirrenica ha infatti espresso profonda preoccupazione e indignazione riguardo ai recenti fatti di cronaca (arresti di membri dei clan campani e spari verso Gustavo Bardellino): “Abbiamo messo in trono il nostro patrono Sant’Erasmo il 23 maggio. Il 24 mattina ci siamo svegliati con il rumore degli elicotteri. Ci dobbiamo prendere cura del buon grano, ma c’è la gramigna e questo è il momento in cui dobbiamo risolvere tutte le ambiguità, a iniziare dalle più alte istituzioni cittadine…le dobbiamo risolvere perché la nostra città, che amiamo tanto, sta vivendo un degrado che non ha mai vissuto. Sparatorie da farwest con tentati omicidi, quando mai! La retorica che la camorra non è presente, che la mafia non è presente non ci incanta più. Sappiamo che c’è un cancro da estirpare. Prenderci cura del buon grano significa che ognuno deve fare la sua parte, dagli alti vertici istituzionali, fino ai semplici cittadini. Non è più tempo di farci gli affari nostri, questo è il tempo della responsabilità e della partecipazione, le ambiguità vanno risolte altrimenti la storia le giudicherà duramente”.

Fonte:https://www.latinaoggi.eu/news/cronaca/206011/il-parroco-di-santerasmo-la-retorica-che-la-camorra-non-a-presente-non-ci-incanta-pia-parole

Archivi