. Finalmente qualcuno che parla con competenza di Ecomafie: la senatrice Capacchione commenta l’inchiesta sulla famiglia Ventrone di MADDALONI e sul toscano Fornaciari e propone…

Finalmente qualcuno che parla con competenza di Ecomafie: la senatrice Capacchione commenta l’inchiesta sulla famiglia Ventrone di MADDALONI e sul toscano Fornaciari e propone…

E’ un ricordo vivido. E’ il bagaglio di un’importante giornalista che conserva nella sua mente un vero e proprio archivio in grado di associare quello che è successo oggi, le cointeressenze con il gruppo di Michele Zagaria e i Belforte, con le dichiarazioni del collaboratore di giustizia Nunzio Perrella, risalenti al 1991

MADDALONI – COMUNICATO STAMPA – “Traffico di rifiuti, i soliti nomi che tornano. L’operazione della Dda di Firenze che ha portato nelle ultime ore all’arresto di imprenditori specializzati nello smaltimento e nel trasporto di rifiuti speciali, ha messo in luce la sopravvivenza di una filiera criminale, che risale alla fine degli Anni Ottanta, tra la provincia di Caserta e la Toscana”. Lo dichiara la senatrice Rosaria Capacchione del Pd, componente della commissione parlamentare Antimafia. “Tra i personaggi compaiono, infatti, Mariano Fornaciari e i fratelli Ventrone. Del primo – evidenzia la senatrice – aveva parlato il primo pentito delle ecomafie, Nunzio Perrella, gia’ nel 1991. Grazie a lui, aveva raccontato il collaboratore di giustizia, aveva guadagnato 150 milioni di lire al mese. I Ventrone, invece, imprenditori di Maddaloni, compaiono negli atti d’indagine di numerose inchieste sul traffico di rifiuti gestito dai clan Belforte e Zagaria. Venticinque anni dopo le rivelazioni Perrella si scopre che quei rapporti criminal-commerciali non si sono mai interrotti. E’ piu’ che mai necessaria, dunque – afferma Capacchione – un’anagrafe nazionale dei soggetti che gestiscono il traffico di rifiuti e l’interdizione degli stessi dal trattamento, a qualunque titolo, degli scarti industriali. Elenco che non puo’ essere lasciato alla memoria di quanti, investigatori, magistrati, giornalisti, in tempi passati hanno incrociato quegli stessi nomi e quegli stessi sistemi”.

PUBBLICATO IL: 14 settembre 2016 ALLE ORE 18:15 

fonte:www.casertace.net

Archivi