Fiamme Gialle” alla ricerca a Cassino di sostanze radioattive interrate. Un nostro elogio alle tre forze dell’ordine della provincia di Frosinone.

Ottimi comandanti provinciali quelli delle forze dell’ordine in provincia di Frosinone.

Tutti e tre –Questore, Comandante provinciale dei Carabinieri e quello della Guardia di Finanza- bravi, solerti, instancabili.

A loro va il nostro ringraziamento per l’opera che stanno svolgendo su un territorio dove fino ad appena qualche anno fa si negava l’esistenza del fenomeno mafioso.

E’ di stamane la notizia di un intervento delle Fiamme Gialle a Cassino alla ricerca di sostanze nocive che sarebbero state interrate in una discarica dismessa in contrada “Nocione”.

Si parla di rifiuti radioattivi di origine ospedaliera e di cromo esavalente che sarebbero stati interrati dalla camorra con una grave compromissione delle falde acquifere.

Nel 2004, sul territorio compreso fra le province di Frosinone, Caserta ed Isernia, ad appena qualche decina di chilometri da Cassino, i Carabinieri arrestarono un trafficante di tali sostanze che presumibilmente era impegnato all’interramento in qualche cava esistente nella zona.

Al riguardo il 25.11.2004 ci fu anche un’interrogazione dell’on. Nichy Vendola, allora vicepresidente della Commissione Parlamentare Antimafia.

Nella zona di San Vittore del Lazio si dice che sia stato interrato molto cromo esavalente, una sostanza altamente nociva che di norma viene usata come una sorta di induritore del cemento.

Quali sono i cementifici nella zona?

Archivi