Favori in cambio di voti, nei guai due ex assessori cavesi

Il Mattino, 25 Aprile 2019

Favori in cambio di voti, nei guai due ex assessori cavesi

di Angela Trocini

Per alcune commesse pubbliche in cambio di voti il pm antimafia, Vincenzo Montemurro, ha chiesto il rinvio a giudizio per l’ex assessore Alfonso Carleo. Nel mirino della Dda salernitana le elezioni amministrative di marzo 2010 a Cava, quando Carleo (poi assessore nelle passate amministrazioni) avrebbe offerto e promesso committenze pubbliche a Michele Russo (deceduto nel 2018), amministratore della società cooperativa «Libera». Il prossimo maggio, davanti al gup Romaniello del Tribunale di Salerno, ci sono altri 14 indagati: i dipendenti comunali Antonino Attanasio, Gianluigi Accarino e Carmine Vitale (dirigente, funzionario e geometra del IV settore) che devono rispondere di abuso d’ufficio e turbata libertà degli incanti. Secondo le accuse, l’ex assessore e i comunali coinvolti nelle indagini, abusando dei poteri d’ufficio, avrebbero consentito alla società di Russo lavori urgenti di rifacimento a un muro di sostegno di una strada, in assenza delle procedure di gara e di formale aggiudicazione dei lavori avvenuta solo a maggio 2012 mentre i lavori (per circa 41mila euro) sarebbero stati effettuati tra gennaio-febbraio 2012. Il tutto attestando falsamente (falsità ideologica) in una determina un iter istruttorio con una ricerca di mercato. Alla coop furono liquidati lavori (per 50mila euro) a prefabbricati leggeri di proprietà dell’ente. La richiesta di rinvio a giudizio riguarda anche la funzionaria (del IV settore) Francesca Milione (detta Ivana) e l’ex assessore Napoleone Cioffi (opere pubbliche) che avrebbero omesso di redigere e inoltrare segnalazione su un illecito edilizio (terrazza coperta) commesso da un ristoratore

Archivi